Borse a ritmo ridotto, si attendono le parole di Mario Draghi

A
A
A
di Luca Spoldi 20 Luglio 2017 | 12:58

BORSE ATTENDONO BCE – Mattinata sonnolenta per Piazza Affari e i principali mercati finanziari europei, in attesa dell’esito della riunione del board della Banca centrale europea (Bce), dopo che la Bank of Japan ha lasciato, come previsto, i tassi invariati. Anche per l’istituto di Eurotower il mercato scommette sul mantenimento dello status quo sia sui tassi (l’annuncio è atteso alle ore 13:45 italiane) sia per quanto riguarda il programma di quantitative easing.

EURO IN RIALZO, STABILI I BOND – Qualche prima indicazione sui tempi del graduale rientro dall’allentamento quantitativo è sono attesa dalla conferenza stampa di Mario Draghi (che prenderà il via alle ore 14:30 italiane), tanto che l’euro ha già iniziato a recuperare terreno sul dollaro riportandosi sui massimi degli ultimi 10 mesi in area 1,15, mentre sul mercato dei bund non si notano particolari tensioni col rendimento del Btp a 10 anni al 2,19% e quello sui Bund tedeschi allo 0,56%.

FUEST (IFO): SERVE ANNUNCIO CHIARO SU FINE QE – Qualche presa di profitto si è notata in tarda mattinata, dopo che Clemens Fuest, presidente dell’istituto di ricerca economica tedesco Ifo ha esortato la Bce a presentare una strategia di uscita dall’attuale politica monetaria ultra accomodante. Fuest prevede una interruzione degli acquisti di titoli sul mercato già dal gennaio 2018 grazie al rafforzamento della ripresa economica e alla normalizzazione dell’inflazione in Europa. Senza un annuncio di un programma “chiaro” per uscire dalla politica monetaria espansiva, secondo Fuest, “la Bce sarà sempre più sotto pressione” e diventerà sempre più “creditore nei confronti degli Stati membri di Eurolandia” il che rappresenterebbe un pericolo per l’indipendenza della politica monetaria secondo l’esperto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Le tre variabili per la Germania

Asset allocation, obbligazioni: le differenze che occorre considerare

Mercati: fin che la barca va…

NEWSLETTER
Iscriviti
X