Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

A
A
A
di Luca Spoldi 20 Luglio 2017 | 15:33

BCE, TUTTO FERMO – Nessuna nuova, buona nuova: la Banca centrale europea (Bce) conferma come previsto le linee guida del quantitative easing (programma di acquisto di bond sul mercato) e lascia i tassi invariati, mentre anche il suo numero uno, Mario Draghi, nella successiva conferenza stampa è molto attento a misurare le parole. Secondo il presidente della Bce la crescita economica deve ancora trasformarsi in un rafforzamento della dinamica inflattiva.

DRAGHI: SERVE TEMPO PERCHE’ INFLAZIONE RIPARTA – L’inflazione è moderata e la sua ripresa si prevede sia graduale. Draghi ha anche sottolineato che questo livello di inflazione non è quello desiderato ma che servirà tempo affinché la dinamica dei prezzi e dei salari riparta, superando fattori che oggi impediscono una più decisa crescita dei prezzi al consumo e che per Draghi dureranno ancora qualche tempo, ma non sono permanenti.

REAZIONI POSITIVE ALLE PAROLE DI DRAGH – Parole che mercati e analisti mostrano di apprezzare: mentre sui listini europei torna a prevalere un moderato segno positivo (l’indice Ftse Mib a Milano segna al momento +0,36%), anche i bond si rafforzano con un calo dei rendimenti sia sui Bund sia sui Btp. Gli analisti di Bnp Paribas a questo punto prevedono che eventuali decisioni sul quantitative easing verranno prese in autunno, dopo che Draghi ha espressamente indicato che la Bce è pronta ad incrementare ancora il programma se necessario, a fronte di rischi bilanciati sull’outlook, ma che tiene d’occhio sia l’andamento dei prezzi sia dei cambi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, dividendi banche: il 23 luglio la Bce decide. I campioni del dividend yield

Risparmio gestito, Bce: the day after

Mercati, Bce: un’estate di acquisti

NEWSLETTER
Iscriviti
X