Pieno successo per l’offerta di Anima Holding

A
A
A
di Luca Spoldi 15 Aprile 2014 | 07:04
Sul mercato sono state collocate 189,62 milioni di azioni Anima Holding. La capitalizzazione iniziale è di oltre 1.259 milioni di euro.

OFFERTA CONCLUSA – Si è conclusa con successo l’offerta globale delle azioni ordinarie di Anima Holding Spa. Complessivamente, come si apprende da una nota, sono arrivate richieste per 1.049.821.709 azioni da parte di 25.809 richiedenti. Nell’ambito dell’offerta pubblica sono pervenute richieste per 87.057.750 azioni da parte di 25.567 richiedenti, così ripartite: 52.386.000 azioni da parte di 23.628 richiedenti appartenenti al pubblico indistinto per adesioni al lotto minimo; 34.455.000 azioni da parte di 1.871 richiedenti appartenenti al pubblico indistinto per adesioni al lotto minimo maggiorato; 216.750 azioni da parte di 68 dipendenti, a valere sull’offerta ai dipendenti, per adesione al lotto minimo per i dipendenti. Nell’ambito del collocamento Istituzionale sono pervenute richieste per 962.763.959 azioni da parte di 242 richiedenti, così ripartite: 31.624.298 azioni da 38 investitori qualificati in Italia; 931.139.661 azioni da 204 investitori istituzionali all’estero.
 
LE AZIONI ASSEGNATE – In base alle richieste pervenute nell’ambito dell’offerta globale di vendita, sono state assegnate 189.626.112 azioni a 6.196 richiedenti. Tali azioni sono rivenienti per 164.892.260 dalla vendita da parte degli azionisti venditori e per 24.733.852 dall’esercizio integrale dell’opzione di sovra-allocazione, così come descritta nella nota di sintesi e nella sezione seconda, capitolo 5, paragrafo 5.2.5 del prospetto informativo. Da segnalare poi che di queste 16.485.750 azioni sono state assegnate a 6.036 richiedenti nell’ambito dell’offerta pubblica, nelle seguenti proporzioni: 8.139.000 azioni a 5.426 richiedenti appartenenti al pubblico indistinto per adesioni al lotto minimo; 8.130.000 azioni a 542 richiedenti appartenenti al pubblico indistinto per adesioni al lotto minimo maggiorato; 216.750 azioni a 68 dipendenti, a valere sull’offerta ai dipendenti, per adesione al lotto minimo per i dipendenti. Inoltre, 173.140.362 azioni sono state assegnate a 160 richiedenti nell’ambito del collocamento istituzionale nelle seguenti proporzioni: 6.625.000 azioni a 16 investitori qualificati in Italia; 166.515.362 azioni a 144 investitori Istituzionali all’estero.
 
L’INIZIO DELLE NEGOZIAZIONI – Nella nota la società ricorda che, sulla base del prezzo di offerta di euro 4,20 per azione, la capitalizzazione di Borsa è di 1.259.177.119,20 milioni di euro. Nessuna azione è stata sottoscritta dai membri del consorzio per l’offerta pubblica e/o dai membri del consorzio per il collocamento istituzionale in conseguenza degli impegni assunti. L’inizio delle negoziazioni sul Mercato telematico azionario è stato fissato con provvedimento di Borsa Italiana per mercoledì 16 aprile e per lo stesso giorno è fissato il pagamento delle azioni. I coordinatori dell’offerta globale sono Goldman Sachs International, Banca Imi e UniCredit Corporate & Investment Banking che, insieme a Ubs Investment Bank, agiscono anche in qualità di joint bookrunner. Banca Imi è inoltre responsabile del collocamento per l’offerta pubblica. UniCredit Corporate & Investment Banking agisce anche come sponsor. Mps Capital Services (gruppo Banca Mps) e Banca Akros (gruppo Bpm) agiscono in qualità di co-lead manager. Gli advisor legali incaricati dall’emittente sono Chiomenti Studio Legale e Shearman & Sterling, mentre la società di revisione è Ernst & Young. Linklaters agisce in qualità di advisor legale per i coordinatori dell’offerta globale, per i joint bookrunner e per i co-lead manager.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: è ancora “risk on”. Ecco perchè

Risparmio gestito, Anima: la raccolta cresce ancora

Fondi, Banco Bpm amplia l’offerta di investimenti ESG

NEWSLETTER
Iscriviti
X