State Street: dopo il meeting della Bce euro può flettere, bond recuperare

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi21 luglio 2017 | 13:34

TONI PIU’ DA COLOMBA DEL PREVISTO PER DRAGHI – Dopo l’esito (scontato) della riunione del board della Bce e i toni equilibrati usati da Mario Draghi nella conferenza stampa che è seguita, ieri, Timothy Graf, responsabile macro strategy di State Street Global Markets si è detto sorpreso dell’atteggiamanto “da colomba del presidente della Bce, Mario Draghi”, tanto più “considerata la recente tendenza verso una retorica più positiva”. Certo, “l’inflazione al di sotto del target ha sempre significato che un inasprimento della politica monetaria era ancora distante, ma la prossima fine delle misure straordinarie di “easing” sono un’aspettativa ragionevole, visti i robusti dati dell’Eurozona”.

BOND PERIFERICI POSSONO RECUPERARE – Secondo Graf i mercati europei “dovrebbero apprezzare questa notizia e stiamo aspettando che le recenti sottoperformance dei bond dei paesi periferici registrino un’inversione di tendenza. Inoltre, l’euro ponderato per gli scambi ha molto spazio per testare i minimi e ritracciare una parte di quel 5% guadagnato nell’ultimo trimestre”. A Graf fa eco Brendan Lardner, senior portfolio manager del global active fixed income di State Street Global Advisors, che nota come a giugno, durante il Forum di Sintra, “il commento del presidente Mario Draghi aveva sorpreso i mercati per il maggior utilizzo di toni da falco, ma questo sentiment è stato smorzato dal tono più morbido” usato ieri.

ANCHE L’EURO PUO’ CORREGGERE DOPO RIALZO – “Mentre Draghi ha incrementato la probabilità dell’eliminazione di alcune misure politiche straordinarie in un futuro abbastanza prossimo”, il meeting di ieri “sembra essersi nuovamente concentrato sulle pressioni inflazionistiche più deboli all’interno dell’Eurozona e sulla necessità di un continuo supporto di politica monetaria”. Per Lardner la Bce “sarà stata anche cosciente del fatto che il continuo rialzo dell’euro potrebbe avere una certa pressione al ribasso sui dati sull’inflazione”. Così mentre la Bce attende ulteriori dati per supportare il “tapering” (riduzione graduale fino all’azzeramento, ndr) degli acquisti di asset, “le attività rischiose dovrebbero ricevere un maggiore sostegno, mentre il recente rafforzamento dell’euro potrebbe subire una qualche correzione”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Draghi, l’ultimo ruggito: tasso depositi a -0,50%, torna il Qe

Banche, attacco alla Bce

Bce: banche, preparatevi all’hard Brexit

Eurobond, l’apertura di Lagarde

Bce, il bazooka spinge in borsa i titoli di banche e reti

La gufata del venerdì: la Bce ha il cannone scarico

Bce: tassi fermi ma serve sostegno

Nomine Ue, accordo per Lagarde alla Bce

Fed, Powell prepara il taglio dei tassi

Bce, Draghi rispolvera il cannone

Fed, i mercati si aspettano il taglio dei tassi

Bce, Draghi tira le orecchie al governo

Nuova Bce, Weidmann in pole

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Btp, rendimenti giù sull’onda Bce

Day after Bce, titoli bancari col fiato corto

La Bce defibrilla l’economia: tassi invariati e nuovi prestiti alle banche

Draghi: nubi sull’Europa

Banche italiane nella morsa Bce: diktat sugli Npl

Mercati globali, la Bce lancia l’allarme

L’italiano Enria guiderà la Vigilanza bancaria europea

Manovra, il governo cerca una difficile pace con la Commissione

Manovra, arriva anche la bastonata di Draghi

Banche, si avvicina il novembre nero

Vigilanza Bce, Enria in lizza per sostituire la Nouy

Il controllore bacchettato

Aberdeen Standard Investments: Bce, una decisione hawkish

Bce, il QE ci lascia in autunno. Forse

Esame Srep superato per le banche italiane

Credem supera l’esame della solidità patrimoniale

Credit Suisse: nuove regole Bce negative per le banche italiane

Bank of America: attenti agli emittenti “zombie” in caso di rialzo dei tassi in Europa

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

Ti può anche interessare

BNY Mellon, Stefania Paolo al timone di comando in Italia

BNY Mellon Investment Management,  ha annunciato la nomina di Stefania Paolo come country head per ...

Via libera al Def: crescita ferma e debito su

Dopo un vertice di oltre tre ore, da Palazzo Chigi fa capolino il documento di economia e finanza de ...

Il “buy” del consulente – 08/10/18, da Anima Holding a Wiit

I consigli giusti in diretta da Piazza Affari ...