La crisi del credito soffoca l’Austria

A
A
A
di Luca Spoldi 25 Aprile 2014 | 09:03
Complici gli ingenti aiuti (9 miliardi dal 2008 a oggi) erogati a Hypo Group e Kommunalkredit, l’Austria sta soffocando sotto il peso di un debito pubblico crescente

LA CRISI DEL CREDITO SOFFOCA L’AUSTRIA  – Tempi duri per l’Austria. Complici i cospicui aiuti di stato (oltre 9 miliardi dal 2008 a oggi) erogati agli istituti di credito maggiormente colpiti dalla crisi finanziaria post Lehman Brothers, in particolare ad Hypo Group e Kommunalkredit (entrambi nazionalizzati per evitarne il collasso), il debito pubblico di Vienna sta crescendo continuamente con un rapporto debito/Pil che dal 60,7% di fine 2008 è salito al 74,5% a fine 2013.

A FINE ANNO DEBITO/PIL SFIORERA’ 80% – A fine anno secondo il ministro delle Finanze austriaco, Michael Spindelegger, le cose peggioreranno ulteriormente, col debito che dovrebbe salire al 79,2% del Prodotto interno lordo. Per questo Spindelegger non esclude che il governo debba varare l’ennesimo pacchetto di “austerità” che non dovrebbe peraltro prevedere nuove tasse, bensì tagli alla spesa. A fine anno Vienna prevede un disavanzo di bilancio pari al 2,7% del Pil.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, si consolida la ripresa del credito in Italia

Asset allocation: cauti sui tassi ma positivi sul credito

Investimenti, credito globale: ecco cosa emerge dall’outlook di BlackRock

NEWSLETTER
Iscriviti
X