Rbs non aumenterà i bonus (ma non è detto sia un bene)

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 25 Aprile 2014 | 11:20
Rbs rinuncia: vista l’opposizione del governo inglese non chiederà ai soci di poter far salire i bonus variabili. Per proteggere gli azionisti si rischia un aumento dei costi fissi

RBS RINUNCIA A CHIEDERE BONUS PIU’ ELEVATI – Royal Bank of Scotland Group, il maggior gruppo creditizio britannico tuttora a controllo pubblico (il Tesoro inglese tramite U.K. Financial Investments Ltd controlla l’80% del capitale della banca, salvata dal fallimento nel 2008) ha abbabonato il suo piano per cercare di convincere gli azionisti, ossia il Tesoro stesso, ad approvare bonus variabili pari fino al doppio dei compensi fissi, dopo che il governo inglese aveva fatto sapere di volersi opporre al piano.

 A PAGARE SARANNO I CONTRIBUENTI – La decisione del governo inglese (che l’anno prossimo dovrà affrontare un test elettorale forse decisivo) appare agli occhi di molti operatori squisitamente populistica, dato che per competere con concorrenti come Barclays, la seconda maggiore banca britannica per asset (che giusto due giorni fa ha ricevuto il via libera dagli azionisti a distribuire incentivi variabili per un ammontare fino al doppio dei compensi fissi), dovrà inevitabilmente alzare la componente fissa delle retribuzioni o rassegnarsi a perdere i trader e i banchieri d’affari migliori, in grado di generare maggiori volumi e margini per l’istituto.

COSTI FISSI RISCHIANO DI AUMENTARE – In entrambi i casi a perderci rischiano di essere i contribuenti, ma Rbs potrà almeno dire di ottemperare alle norme dell’Unione europea che nel tentativo di prevenire una futura crisi finanziaria stanno spingendo le banche a ridurre i bonus variabili, ponendo come limite massimo proprio un rapporto di 2 a 1 rispetto alla retribuzione fissa e chiedendo agli istituti di sottoporre all’approvazione dei soci la distribuzione di bonus di ammontare superiore alla retribuzione fissa (come si prepara a fare, tra gli altri, Deutsche Bank). Della serie: la strada dell’Inferno è sovente lastricata di buone intenzioni o, se preferite, il lavoro (e le retribuzioni) non si creano né si difendono per decreto, specie nel caso di mercati aperti alla concorrenza.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Credit Suisse, la bussola dei bond

Piccolo manuale per scovare un abusivo del credito

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

Npl sotto i riflettori: Visco bacchetta, Mediocredito Fvg si muove

Ubi Banca, sono in arrivo novità importanti per i crediti deteriorati

Atlante II compra 2,2 miliardi di Npl lordi da tre good bank per 515 milioni

Mps: un modello di business da rivedere nel credito alle imprese

Banco Popular Espanol vuole accelerare pulizia di bilancio

Nuovi vincoli in arrivo per le banche europee

La strategia di Bper per i crediti problematici e deteriorati piace al mercato

Good bank, slitta il termine di presentazione delle offerte

Renzi: vicina intesa con Ue, il numero delle banche deve calare

Eurogruppo ed Ecofin a consulto sulla crisi bancaria europea

Banca Ifis continua a comprare portafogli Npl

Sterlina cala di minimo in minimo, nonostante la Bank of England

Banca Sistema sottotono dopo acquisizione Beta Stepstone

Banche italiane, il governo studia un piano di aiuti post Brexit

Mps si scalda in scia a voci su avvio asta per piattaforma Npl

Da cessione banche risolte si otterrà meno del previsto

Visco (Bankitalia): piu’ fusioni e taglio dei costi, ridurre le sofferenze

Bce: i rischi per il settore finanziario europeo non stanno calando, anzi

Fmi: come gestire la crisi del credito bancario italiano

Intesa Sanpaolo cede pro soluto portafogli crediti “in bonis”

Mps, mercato scommette su buona riuscita cessione Npl

CrowdFundMe integra piattaforma e nuove procedure di pagamento

KKR annuncia: Pillarstone sbarca in Grecia (e cresce in Italia)

Bridge bank: le offerte arrivano ma dall’estero

Lombard Odier: Bce intende rendere costoso detenere liquidità

Visco (Bankitalia): in Italia c’è un problema di educazione finanziaria

Bpvi, fissata la forchetta per l’aumento: 0,1-3 euro

Padoan: riformare e rafforzare banche non è questione solo di Npl

Ti può anche interessare

Il mega bazooka delle banche centrali

Un dubbio shakespeariano attanaglia i banchieri centrali: proseguire il “new normal”  ...

Governo, alta tensione nella maggioranza

La giornata di ieri è stata sicuramente infuocata per la maggioranza gialloverde. Frecciate a dista ...

Amundi lancia due importanti iniziative green & sustainable development

Amundi, il più grande asset manager in Europa, sostiene pienamente le ambizioni del Gruppo di lavor ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X