Azimut sottotono ma Fidentiis non cambia idea

A
A
A
di Luca Spoldi 25 Aprile 2014 | 18:01
Il via libera dei soci a dividendo e buy-back potrebbe offrire un supporto al titolo, peraltro già salito del 16% da inizio anno, pertanto Fidentiis ribadisce il proprio “buy”

AZIMUT TIRA IL FIATO – Le vendite sul comparto finanziario provocato dalle tensioni tra Russia e Ucraina e dalla possibilità che gli Usa varino ulteriori sanzioni economiche in assenza di progressi nei negoziati per cercare una soluzione diplomatica alla crisi tra i due paesi pesano oggi anche sul titolo Azimut, in calo di quasi un punto a 22,44 euro per azione quando manca meno di mezz’ora al termine della giornata a Piazza Affari.

FIDENTIIS NON CAMBIA IDEA – A rassicurare gli investitori giunge peraltro una nota di Fidentiis nella quale viene confermato il “buy” (acquistare) sul tutolo, dopo che l’assemblea dei soci ha approvato il piano di buyback (fino al 19,55% del capitale) e il dividendo proposto dal Cda (0,7 euro, pari ad un rendimento del 3% rispetto ai prezzi correnti). Due elementi, commentano gli analisti, che potrebbero fornire un ulteriore piccolo supporto a titolo da ora in avanti (anche se, fanno notare alcuni operatori, Azimut è reduce da dieci trimestri consecutivi di rialzi in borsa e da inizio anno guadagna già attorno al 16%).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut: utile raddoppiato nel trimestre e reclutamento in crescita

Consulenti, fedeli alla rete con il bonus

Azimut, investimento all’ombra della Mole

NEWSLETTER
Iscriviti
X