Wall Street chiude in ripresa dopo avvio incerto

A
A
A
di Luca Spoldi 7 Maggio 2014 | 20:27
Wall Street apre in calo ma l’allentarsi della tensione tre Ucraina e Russia consente agli indici di chiudere in rialzo, nonostante l’ulteriore calodei titoli internet e farmaceutici

FARMACEUTICI E INTERNET IN CALO – Dopo un avvio incerto Wall Street recupera terreno, nonostante l’ulteriore calo dei titoli “consumer internet” come Twitter, Facebook, Yahoo, Amazon, Google ed eBay, nonché di farmaceutici come Merck e Pfizer. A fine seduta l’indice Dow Jones recupera lo 0,72%, l’S&P500 guadagna lo 0,57%, il Nasdaq chiude in calo dello 0,37% e le small cap del Russell 2000 cedono lo 0,44%.

ORO IN CALO, BENE IL PETROLIO – In rialzo tra le blue chip UnitedHealth Group, American Express e Visa. I T-bond dal canto loro vedono il rendimento sul decennale scivolare sul 2,59% e quello sul trentennale restare sul 3,40%. L’oro perde quota dopo l’apertura di Putin ad una soluzione diplomatica per l’Ucraina e termina a 1290,10 dollari l’oncia (18,5 dollari meno di ieri), l’argento è indicato a 19,33 dollari (32 centesimi di perdita) e il petrolio risale sui 100,79 dollari al barile (1,40 dollari meglio del precedente fixing).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, obbligazioni a pieno regime

Asset allocation: cinque motivi per investire nei corporate high yield

Banche: un’ondata di nuovi collocamenti obbligazionari

NEWSLETTER
Iscriviti
X