Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi26 luglio 2017 | 10:26

GACS, SI VA VERSO PROROGA – Il governo pare intenzionato a rinnovare, come da attese, le garanzie pubbliche sulle cartolarizzazioni (Gacs), in scadenza il 16 agosto. Il relativo decreto dovrebbe arrivare nei prossimi giorni, tra la fine di luglio e l’inizio di agosto, subito dopo la conversione in legge del decreto relativo al salvataggio delle due banche venete e la messa in sicurezza di Mps.

FINORA UTILIZZO LIMITATO – L’estensione delle Gacs sarebbe per ulteriori 18 mesi, ma avverrebbe secondo indiscrezioni di stampa ad un costo superiore a quello attuale a causa della variazione degli spread di credito di alcuni emittenti. L’obiettivo è naturalmente quello di incoraggiare l’uso di uno strumento finora poco utilizzato dalle banche. Vi hanno fatto ricorso al  momento solo Banca popolare di Bari (per un’emissione di Npl di 480 milioni), Banca Carige (per 938,3 milioni) e Creval (per 1,5 miliardi).

UNICREDIT E MPS CI STANNO PENSANDOUnicredit ha già fatto sapere che potrebbe valutare di utilizzare le Gacs nei prossimi mesi per il portafoglio “Fino” (da 17,7 miliardi complessivi), come pure Mps per la sua cartolarizzazione da 28,6 miliardi. Ulteriori istituti potrebbero aggiungersi entro la fine dell’anno, grazie alla crescente effervescenza del mercato italiano dei crediti deteriorati. Al momento tuttavia non si registrano reazioni particolarmente positive da parte dei titoli del comparto bancario, con solo Intesa Sanpaolo che a Piazza Affari sale dello 0,28%, mentre sono in rosso Banco Bpm, Bper Banca, Ubi Banca e Unicredit.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Ti può anche interessare

Teiletche (Unigestion): “Tutti i pregi delle gestioni multi-asset”

Parla l'head of Cross Asset Solutions della boutique finanziaria Unigestion. "Nello scenario attuale ...

Secondo miglior utile della storia per Azimut

Il risultato netto consolidato normalizzato è stato pari a 220 milioni di euro (+27% sul 2016), men ...

Banca Mondiale, un’obbligazione per lo sviluppo sostenibile

La Banca Mondiale ha emesso per gli investitori italiani una nuova Obbligazione per lo Sviluppo Sost ...