Altro che luce in fondo al tunnel: i fallimenti aumentano

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 20 Giugno 2014 | 14:40
In Italia nei primi 5 mesi del 2014 sono cresciuti i fallimenti. In media nel “Belpaese” ogni mese chiudono i battenti 1.200 imprese. Il record assoluto spetta alla Lombardia

IN ITALIA FALLISCONO 1200 IMPRESE AL MESE – “C’è qualcosa che non va”, cantava Vasco Rossi tanti anni fa ma forse la canzone andrebbe aggiornata. Secondo dati rielaborati dall’ufficio studi della Camera di commercio di Monza e Brianza in base ai numeri del Registro Imprese, i primi cinque mesi del 2014 hanno visto le procedure fallimentari aumentare in Italia del +18,9% rispetto allo stesso periodo del 2013. Da gennaio a maggio sono fallite 6.342 imprese, pari a oltre 1.200 fallimenti al mese.

IN ABRUZZI LIGURIA E UMBRIA GLI INCREMENTI MAGGIORI – Un bollettino di guerra che mostra forti variazioni a livello territoriale. L’aumento maggiore di fallimenti si registra in Abruzzo (+67,1% rispetto allo scorso anno), seguono la Liguria e l’Umbria dove gli incrementi sono pari rispettivamente al +46,2% e al +44,4%. In termini assoluti, tuttavia, l’incidenza più elevata è registrata in Lombardia, dove si sono iscritte nei primi cinque mesi dell’anno 1.404 nuove procedure fallimentari (+15,9% rispetto al 2013). In questa problematica classifica seguono Lazio, Veneto e Campania.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti: banche e mercati in crisi, cosa è differente questa volta

Crisi, lo spread tifa per un governo

I 5 fondi che hanno ucciso la crisi

Fondi di investimento, NN IP: nuovo comparto green a short duration

Asset allocation, una nuova scommessa sugli emergenti

Reclutamento, i magnifici 7 di Bnl-Bnp Paribas LB

Mediobanca, Nagel attacca: “Il momento è molto triste”

Investimenti: la microfinanza come asset class alternativa

Mercati, gli effetti delle trimestrali

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti: come essere pronti a gestire una crisi

Un poker di abusivi e una vecchia conoscenza…

Consulenti, 8 consigli per non impazzire in ufficio

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

P2P lending, l’ultima minaccia dei prestiti multipli

Slovenia: delude l’asta dei titoli di Stato, cresce l’allarme sulle banche

La Spagna pronta a chiedere aiuti. E lo spread risale

Santader Uk mette le mani avanti

Moody’s pessimista: tagliate le stime sul Pil dell’Italia

A Singapore è più bello fare il banchiere

Moody’s e Fitch promuovono l’Italia con riserva

Crisi Europa: Moody’s ci vede chiaro(scuro)

Swiss and Global riduce l’esposizione azionaria

G20, accordo ancora lontano

Draghi: ridurre dipendenza da agenzie di rating

Fed più vicina al quantitative easing

La ripresa? Ricetta in 5 punti

Patto di stabilità Ue, Mussari (Abi): non siamo soddisfatti

La Fed pronta a comprare bond ma su scala ridotta. E il dollaro sale

Nuova riforma vigilanza si parte dal 2011

Ue, Consiglio straordinario ministri esteri

Bini Smaghi, “non è il momento di tassare le banche”

NEWSLETTER
Iscriviti
X