Milano chiude in affanno, pesano banche e Telecom Italia

A
A
A
di Luca Spoldi 20 Giugno 2014 | 15:53
Banche in rosso sia per il calo dei Btp sia per l’accavallarsi di numerose operazioni di ricapitalizzazione. Mps vede i diritti guadagnare il 9%, i titoli cedere il 2,2%

MILANO CHIUDE IN CALO – Finale di settimana in “lettera” a Milano dove a fine giornata le vendite prevalgono, col Ftse Mib che perde l’1,50%, il Ftse Italia All-Share in calo dello 0,95% mentre il Ftse Italia Star termina a -0,91%. Sul listino pesano gli alleggerimenti scattati sui titoli bancari sia per una certa debolezza dei Btp italiani, di cui i titoli bancari restano “proxy”, sia per l’accavallarsi di numerose operazioni di ricapitalizzazioni.

MPS: DIRITTI SU’, TITOLI GIU’ – Tra le blue chip chiudono in deciso rialzo i diritti Mps (+9,11% a 20,85 euro l’uno) nell’ultimo giorno di contrattazione, mentre i titoli Mps finiscono in calo del 2,2% a 2,042 euro l’uno. Bene anche Finmeccanica e Luxottica, entrambe in salita di più di 3 punti, mentre le vendite fiaccano Bper (-4% alla vigilia dell’aumento di capitale da 750 milioni), World Duty Free, Mediobanca, Banco Popolare e Telecom Italia, colpita dall’indiscrezione relativa alla vendita da parte di Telefonica di 139 milioni di euro di bond del prestito convertendo Telecom Italia sottoscritto lo scorso novembre per 103 milioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X