Creval: analisti soddisfatti ma la prudenza resta

A
A
A

Dopo la conclusione positiva dell’aumento di capitale cresce la presenza dei fondi tra i soci di Creval, che può tornare a guardarsi attorno. Ma il 2014 sarà ancora impegnativo

Luca Spoldi di Luca Spoldi26 giugno 2014 | 12:07

CREVAL, PIU’ FONDI NEL CAPITALE – Giudizi positivi dagli analisti per la felice conclusione dell’aumento di capitale da 400 milioni del Credito Valtellinese (Creval), che ha portato ad una maggiore presenza di fondi all’interno dell’azionariato, ma anche prudenza in vista di una ulteriore crescita delle sofferenze ed incagli nel trimestre che sta per finire, mentre gli scaduti iniziano a mostrare segnali di rallentamento come conferma in un’intervista l’amministratore delegato dell’istituto, Miro Fiordi.

BANCA PUO’ CRESCERE MA 2014 SARA’ ANCORA DIFFICILE – Con la ricapitalizzazione il Creval dovrebbe raggiungere un Core Tier 1 ratio, a regime, dell’11,5% (che potrebbe salire secondo gli analisti di Websim “di altri 130 punti base in caso di validazione dei modelli interni, un via libera che potrebbe arrivare nel 2015”. Superate le verifiche Bce (Asset quality review e stress test), la banca potrà tornare a guardarsi attorno per perseguire un processo di crescita per linee sia interne sia esterne ma gli esperti avvisano: il 2014 registrerà ancora pesanti accantonamenti e un costo del credito attorno ai 180 punti base.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco racconta la sua Mifid 2

Allianz Bank FA, i “top level” di Neuberger per i clienti

Doris e Nagel, sposi perfetti

Banche, il rendimento è sempre più giù

Mediolanum chiude il 2019 in bellezza: super raccolta e bonus per i fb

Reti Champions League: Mossa-Rebecchi, la finale degli invincibili

Banche, Fabi propone patto occupazione

Fineco, 3 scelte di cui essere fieri

Stangata sul Monte Paschi

Banche, una leva da far paura

Banche, gli utili d’oro non fermano i tagli

Banca Generali, nuova offerta Etica per i consulenti

Banche, incubo margini

Mediolanum, gran reclutamento a ottobre

Unicredit, 1 miliardo per la sostenibilità

Banche, il fintech ammazza i ricavi

Widiba, contaminazione salentina

Consulenti, il fascino discreto della filiale

Banche, primi passi verso Basilea 3

Le banche italiane aumentano la liquidità con il tiering della Bce

Banche, 9 miliardi di utili ma meno dipendenti

Allianz Italia, raccolta sugli scudi nel 2019

Mediolanum, Doris promette un utile 2019 da record

Mediolanum, il trimestre regala masse record e dividendo

Rendiconti ex Mifid 2 e trasparenza, Mps in prima linea

Banche, l’Inventive Banking sarà fondamentale

IWBank, settebello nel reclutamento

Doris ha un tesoro di 100 milioni

Credem, destinazione innovazione

Widiba dalla parte delle start up

IWBank PI, l’evoluzione è adesso

Banche: fusione Ubi-Bper, ecco a chi e perché piace

Banche europee, l’ondata dei tagli

Ti può anche interessare

Bankitalia: è SOS sul debito pubblico

A febbraio il debito pubblico è salito a 2.363,7 miliardi di euro contro i 2.293,6 dello stesso m ...

Oggi su BLUERATING NEWS: Azimut gioca in difesa

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

SSGA: nuova cinquina su Etf Plus

Novità dalla società. ...