Commerzbank in crisi, ora ci si mette anche la Ue

A
A
A
di Luca Spoldi 10 Luglio 2014 | 12:45
Mentre il mercato aspetta di vedere a quanto ammonterà la sanzione che le autorità Usa potrebbero comminare a Commerzbank, la Commissione Ue esorta Berlino a uscire dal capitale

ANCORA UNA GIORNATA STORTA PER COMMERZBANK – Non è decisamente un periodo fortunato per Commerzbank, seconda maggiore banca tedesca da tempo in crisi. Mentre tornano a circolare indiscrezioni circa una possibile maxi-multa in arrivo dagli Usa per avere effettuato transazioni in dollari con paesi sottoposti a sanzioni come l’Iran (l’agenzia Reuters stamane parla di 600-800 milioni di dollari, cifra superiore ai 500 milioni di cui si era parlato sino a un paio di giorni fa), la Commissione Ue  ha esortato il governo tedesco a cedere la quota del 17% che ancora possiede, perché “fin quando lo Stato è un così importante azionista, ci può essere il sospetto che la banca goda di privilegi e favoritismi rispetto ai concorrenti”.

OLTRE AGLI USA PESANO PAROLE COMMISSIONE UE – Berlino era intervenuta per salvare l’istituto nel 2009 rilevando il 25% del capitale in cambio di 18,2 miliardi di aiuti pubblici. Il problema per Angela Merkel è che per evitare perdite sull’investimento la quota in mano al governo tedesco dovrebbe essere ceduta a non meno di 25 euro per azione. Cosa alquanto improbabile da fare, almeno a breve, dato che l’istituto, il cui titolo perde circa il 7% da inizio anno, tratta sotto gli 11 euro per azione, avendo anzi toccato un paio di giorni or sono il minimo degli ultimi 12 mesi a 10,84 euro proprio al diffondersi delle voci circa una possibile pesante sanzione da parte delle autorità statunitensi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, Commerzbank taglia oltre 4 mila posti

La nuova UniCredit dopo Fineco

Dossier Commerzbank, saluta anche Ing

NEWSLETTER
Iscriviti
X