Wall Street tiene grazie ai titoli web, in calo il petrolio

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 11 Luglio 2014 | 22:16
Anche oggi si sono notate vendite sui titoli finanziari complici le persistenti tensioni in Europa e trimestrali non esaltanti come quella di Wells Fargo. In evidenza i titoli del web

WALL STREET RINGRAZIA LE DOT.COM – Le trimestrali in arrivo dal settore bancario, come quella di Wells Fargo, non convincono del tutto Wall Street, ma in soccorso del listino arrivano i big di internet come Amazon e eBay, così a fine giornata il Dow Jones segna +0,17%, l’S&P500 recupera lo 0,15%, il Nasdaq sale dello 0,44% mentre le small cap del Russell 2000 chiudono a -0,17%.

PETROLIO SCIVOLA SUI 100 DOLLARI – Tra le blue chip americane salgono ancora Verizon Communications, davanti a Generale Electric, Boeing e Microsoft, mentre frenano i petroliferi Chevron ed Exxon Mobil oltre a difensivi come Coca Cola, Johnson & Johnson e Procter & Gamble. I T-bond vedono il rendimento sul decennale calare ulteriormente sul 2,52% e quello sul trentennale sul 3,34%. L’oro resta a 1337,4 dollari l’oncia (40 centesimi più di ieri), l’argento sui 21,46 dollari (invariato) ed il petrolio cala sui 100,83 dollari (oltre 2 dollari di perdita).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Petrolio in trading range dopo il meeting dell’Opec. I target tecnici e gli Etc a Milano

Mercati: petrolio, meeting dell’Opec in balìa dell’Arabia. I target e gli Etc sul Brent

Mercati, il petrolio rischia di scivolare ancora. Tutti gli Etp in Borsa

NEWSLETTER
Iscriviti
X