Eurostat: l’assenza di crescita fa lievitare il debito/Pil

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 22 Luglio 2014 | 11:52
E’ aritmetico: in assenza di crescita il rapporto debito/Pil cresce. La conferma viene dai dati Eurostat di fine marzo che vedono il rapporto salire al 135,6%: manovra in arrivo?

ISTAT: SALE ANCORA IL DEBITO/PIL – In assenza di crescita il debito pubblico italiano vede aumentare inevitabilmente il suo peso in rapporto al Pil. La conferma di quanto facilmente prevedibile giunge puntualmente dai dati dell’Eurostat che oggi hanno certificato come il debito/Pil sia salito a fine marzo scorso al 135,6%, dal 132,6% di fine 2012. Un anno prima il rapporto si attestava al 130,2%.

SENZA CRESCITA SALTERANNO PREVISIONI – Il rapporto debito/Pil italiano è secondo in Eurolandia solo a quello greco, che alla fine del primo trimestre scorso era pari al 174,1%. A complicare le cose, rendendo per molti inevitabile la “classica” manovra correttiva autunnale, per l’anno in corso il governo stima un rapporto debito/Pil al 134,9% basandosi tuttavia su previsioni di crescita del Pil dello 0,8% annuo che sembrano sempre più irrealizzabili. Banca d’Italia, ad esempio, ha tagliato nel suo ultimo bollettino economico la stima sulla crescita dell’anno in corso da +0,7% ad un misero +0,2%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Governo, battibecco sulla crescita

Italia, S&P congela l’entusiasmo: crescita allo 0,7%

Schroders mette i mercati emergenti sotto i riflettori

NEWSLETTER
Iscriviti
X