Piazza Affari in calo: torna lo spettro di Banco Espirito Santo

A
A
A
di Luca Spoldi 1 Agosto 2014 | 16:11
Seduta decisamente volatile per gli indici di Milano, che subiscono le incertezze legate all’evolversi del default argentino, al caso Banco Espirito Santo e alle trimestrali

MILANO TEME LA CRISI DI ESPIRITO SANTO – Giornata ricca di capovolgimenti di scena a Piazza Affari che apre appena sopra le chiusure di ieri, tocca i minimi a metà mattinata, poi risale fino a tornare in positivo toccando i massimi a metà pomeriggio, per poi veder svanire tutto e chiudere poco sopra i minimi giornalieri al diffondersi della voce secondo cui Banco Espirito Santo (-40% in giornata a Lisbona) potrebbe dover usare fondi pubblici per ricapitalizzarsi. Al termine il Ftse Mib cede infatti l’1,01% il Ftse Italia All-Share chiude a -1,07% e il Ftse Italia Star perde l’1,71%.

TOD’S E GENERALI SALGONO, MALE GTECH E FINMECCANICA – Se tra le blue chip rimbalzano con decisione Tod’s e Intesa Sanpaolo (quest’ultima grazie alla trimestrale superiore alle attese), anche più decisi si rivelano i ribassi di Gtech (su cui Kepler Chevreux taglia il giudizio da “buy” a “hold”), World Duty Free (che pare risentire della trimestrale non del tutto convincente di Atlantia) e Yoox (complice il nuovo calo della concorrente britannica Asos), tutti in calo di poco meno del 4%, mentre anche Azimut e Stmicroelectronics chiudono in calo di più del 3%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Espirito Santo Financial Group finisce in bancarotta

Banco Espirito Santo condiziona anche Piazza Affari

Prudente rialzo per New York, che guarda al Portogallo

NEWSLETTER
Iscriviti
X