Essere positivi non guasta

A
A
A
di Redazione 5 Agosto 2014 | 09:45
Ovviamente bisogna tenere sotto controllo ciò che succede ovunque nel mondo

L’immediato futuro va letto in chiave geopolitica. È ciò che accadrà in Ucraina, quello che accadrà in Palestina, quello che accadrà in Israele, e in più Iraq e Iran, che ci daranno la chiave di lettura sull’andamento futuro dei mercati. Riuscirà l’Europa a tener testa alla Russia con sanzioni efficienti? E quale sarà l’impatto sulle economie europee se sono bastate sanzioni molto limitate a far subire comunque una flessione nella produzione industriale tedesca negli ultimi due mesi? Gli Stati Uniti stanno privilegiando la strada del boicottaggio dell’accesso al mercato dei capitali di società russe, e ciò è indubbiamente più efficace delle sanzioni commerciali. L’Europa cosa sceglierà? E in che misura? Continueranno i problemi in Iraq a non avere impatto sul prezzo del petrolio, come è stato finora? È l’incertezza e la mancanza di risposte a questi quesiti che frena le Borse nonostante i dati economici negli Stati Uniti siano buoni, nonostante la liquidità persista perché le banche centrali, inclusa le Federal Reserve, continuano a iniettare liquidità, tenendo la curva dei tassi sempre sotto controllo. Anche i dati trimestrali delle aziende Usa sono confortanti. Tutt’altra musica in Europa, dove i risultati delle aziende sono nettamente meno positivi e dove l’economia continua a fare fatica. Questo segna un divario fra l’andamento della Borsa statunitense e quelle europee, verso le quali occorre maggiore cautela. Altra musica per i mercati emergenti, dove la pulizia delle posizioni è stata già fatta, e quindi c’è minore tensione. Adesso attenzione al rapporto sull’occupazione statunitense e all’indice manifatturiero, nonché alla fiducia dei consumatori e ai dati trimestrali delle aziende statutinensi ancora mancanti, ma occorre già dire che finora i risultati annunciati sono per ricavi sopra le attese per più della metà delle aziende. Altra musica in Europa, dove i risultati, per quanto buoni, mostrano percentuali di crescita più contenuti. Essere positivi, più che ottimisti, non guasta. Ma tenendo sempre un orecchio ben aperto sulla geopolitica.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti