Troppe incertezze dai conti di Creval

A
A
A

Dalla semestrale di Creval emergono utili in crescita, ma anche maggiori accantonamenti e rettifiche su crediti. Così il titolo dopo una crescita iniziale torna a perdere quota

Luca Spoldi di Luca Spoldi8 agosto 2014 | 06:54

CREVAL– Il Credito Valtellinese (Creval) ha approvato una semestrale chiusa con un utile netto di 3 milioni di euro in crescita dell’11% su base annua a fronte di ricavi per 489 milioni (+22,4%) e un CeT1 “fully loaded” calcolato includendo l’effetto dello “Sme supporting factor”, pari all’11,7%, dopo l’aumento di capitale da 400 milioni di euro.

AUMENTANO RETTIFICHE E ACCANTONAMENTI – Nel semestre le rettifiche su deterioramento crediti sono salite a 213 milioni di euro (erano pari a 124 milioni un anno prima), mentre i crediti alla clientela sono calati a 19,4 miliardi (-3,7% rispetto a fine 2013) complice la debolezza della domanda, specie sul lato imprese e nonostante un allentamento della tensione sul lato dell’offerta.  I crediti deteriorati netti a fine giugno erano pari a circa 3 miliardi (dai 2,7 miliardi di fine 2013), con le sofferenze salite a quota 961 milioni (dagli 809 milioni a fine 2013), coperte mediamente al 56,3%. Nel periodo la banca ha ridotto a 2,2 miliardi l’esposizione Ltro rimborsando anticipatamente 750 milioni.

PROSPETTIVE 2014 RESTANO INCERTE – Quanto al 2014 l’istituto sottolinea la fragilità del quadro economico di riferimento e le incertezze in merito agli esiti dell’Aqr dalla Bce in previsione della vigilanza bancaria unica europea. Uno scenario “complesso” che “condizionerà le prospettive del gruppo almeno per tutto il 2014” in particolare per quanto riguarda la dinamica reddituale, che “sconterà una marcata incidenza del costo del rischio di credito, in presenza di prospettive di ripresa economica ancora fragili ed incerte”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, primi passi verso Basilea 3

Le banche italiane aumentano la liquidità con il tiering della Bce

Banche, 9 miliardi di utili ma meno dipendenti

Allianz Italia, raccolta sugli scudi nel 2019

Mediolanum, Doris promette un utile 2019 da record

Mediolanum, il trimestre regala masse record e dividendo

Rendiconti ex Mifid 2 e trasparenza, Mps in prima linea

Banche, l’Inventive Banking sarà fondamentale

IWBank, settebello nel reclutamento

Doris ha un tesoro di 100 milioni

Credem, destinazione innovazione

Widiba dalla parte delle start up

IWBank PI, l’evoluzione è adesso

Banche: fusione Ubi-Bper, ecco a chi e perché piace

Banche europee, l’ondata dei tagli

Fineco, reclutamento doc

Banco Bpm-Ubi, tentazione terzo polo

Pir, la sfuriata di Doris

Allianz Bank FA, advisory in riva al lago

Banche, la cooperazione vista dall’Asia

Banca Mediolanum, nuova avventura nel centro Italia

Fideuram e Sanpaolo Invest, è tempo di turnover nelle reti

Wealth management, ecco il master per i manager

BlackRock, sale la quota nei giganti bancari

Banche, i tassi hanno un conto salato

Consulenti, ecco la banca del 2029

Banche, cooperazione significa efficienza

Governo giallorosso, sulle banche poche parole

Banche online, grandissimi rischi

Banche, è crollo dei prestiti

Consulenti, ecco il segreto per non mollare

Carige, resa dei conti a settembre

Banche, lo spauracchio dei tagli al personale

Ti può anche interessare

IWBank PI si espande nel bolognese

Inaugurato a San Lazzaro di Savena il 43esimo Advice Center alla presenza del Direttore generale Dar ...

Cfo Sim allarga il business

Nasce una nuova divisione di dedicata ai private debt. Prima emissione di minibond per un’azienda: ...

Gestori in vetrina – Raiffeisen Capital Management

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Donato Giannico, countr ...