Promotori, Cerea lancia il blog

A
A
A

“liber@mente” è il nuovo spazio sul web del manager di Banca Fideuram. Per esprimere e condividere opinioni.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino4 settembre 2014 | 06:57

LIBER@MENTE – Angelo Cerea è un noto manager della promozione finanziaria. Già in Banca Mediolanum, oggi lavora per Banca Fideuram dove è responsabile del reclutamento Progetto Italia. Cerea è un appassionato di nuove tecnologie e proprio in questi giorni ha lanciato un suo blog, denominato liber@amente.

PAROLA A CEREA – Perché questa iniziativa? Lasciamo la parola allo stesso Cerea: “liber@mente: è così che ho voluto chiamare lo spazio nel quale voglio esprimere le mie opinioni. Liberamente è anche ‘mente libera’ dai condizionamenti  che vengono imposti dalle convenzioni.  Io voglio essere libero di esprimere le mie opinioni ed in questo spazio la posso fare semplicemente come Angelo Cerea, senza l’aggiunta di null’altro. Pertanto questo spazio sarà disponibile per tutti coloro che vorranno esprimere liberamente le proprie opinioni con le opportune argomentazioni e senza insulti di sorta”.

“SE PUOI, DEVI!” – L’ultimo “post” del nuovo blog di Cerea è intitolato “Se puoi, devi!” e vi si legge: “Il mio attuale lavoro, seleziono persone per una Banca Rete, mi permette d’ incontrare molte persone in cerca di un miglioramento della loro qualità della vita. L’interessante è quanto emerge dai colloqui, la loro ostinata necessità di sentirsi dire che non è adeguato al cambiamento che sta cercando”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Promotori: “il nome deve restare”

Promotori – Cerea risponde sul tema contrattuale

Promotori – Anasf, discussione aperta sulle modifiche allo statuto

Ti può anche interessare

Mercati emergenti, cavallo vincente del 2019?

Le economie dei mercati emergenti stanno già superando quelle delle controparti sviluppate. E saran ...

Mirabaud AM: gli anti etf

“Lasciate ogne speranza di sovrarendimento, voi ch‘intrate”. Con una battuta dai rimand ...

Italia, è scorpacciata di bond

Le condizioni favorevoli delle banche hanno spinto le società a indebitarsi ulteriormente. Ma secon ...