Italia fuori dall’euro per ripartire?

A
A
A
di Luca Spoldi 22 Settembre 2014 | 07:38
L’Italia ha bisogno di riforme, ma rischiano di non bastare a disinnescare la mina di un debito pubblico sempre più soffocante. Un’opzione radicale sarebbe uscire dall’euro ma…

BOOTLE: ITALIA VIA DALL’EURO PER RIPARTIRE – Tra i paesi del G7 solo il Giappone e l’Italia non sono ancora riusciti a superare i livelli del Pil segnati prima della crisi del 2008-2009. Lo ha sottolineato nel weekend Roger Bootle, direttore di Capital Economics, sul Daily Telegraph, aggiungendo che il problema è sorto prima, con l’adozione dell’euro. Dal 1999 infatti l’economia italiana è cresciuta mediamente solo dello 0,3% annuo. Questo, aggiunge l’esperto, non significa che sia colpa solo dell’euro, quanto che l’Italia ha un disperato bisogno di riforme che nessun politico ha avuto la capacità e il coraggio di fare. “L’euro non ha certamente aiutato perché, sin dall’inizio, i costi italiani hanno continuato a salire più rapidamente di quanto facevano in Germania o in altri paesi core” e a differenza che in passato questo non è più stato compensato da una svalutazione della valuta.

RIFORME NECESSARIE MA NON SUFFICIENTI
– Il problema italiano non è tanto il suo deficit annuo, quanto l’ammontare di debito pregresso che ha ormai ampiamente superato il 130% del Pil portando l’Italia in una situazione simile a quella che gli economisti chiamano “trappola del debito”. Una situazione in cui il debito sale rapidamente in proporzione al Pil e dalla quale le uniche uscite sono forti inflazioni o default. Una crisi del debito rischierebbe di avere serie conseguenze se non per i mercati finanziari mondiali, dato che il debito è in gran parte detenuto da investitori domestici, per le banche italiane. Come si può sfuggire a tutto questo? “Il paese”, nota Bootle, “richiede una riforma fondamentale del suo sistema politico, della giustizia, del fisco e del lavoro”. Ma anche se queste riforme fossero tutte realizzate resterebbe la minaccia del debito pubblico.

SVALUTAZIONE, PIU’ TASSE E MENO DEBITO
– “Come il resto dell’eurozona ciò di cui ha bisogno ora l’Italia è una crescita economica decente” che potrebbe essere raggiunta grazie a politiche fortemente espansive della Bce e una maggiore rilassatezza fiscale tedesca. “Ma non c’è da scommetterci troppo”. L’opzione “radicale” per l’Italia resterebbe dunque secondo l’esperto britannico “uscire dall’euro e consentire ad una valuta più debole di generare un boom delle esportazioni, più elevata inflazione, più tasse e un peso del debito inferiore”. Insomma: dato che l’Italia non è la Grecia e la “bomba” del debito non è disinnescabile senza danni, è solo una questione di tempo. O l’Italia trova il modo di ripartire o dovrà uscire dall’euro facendo pagare agli italiani un costo ancora superiore all’attuale in termini di tasse e perdita di potere d’acquisto, per poter sperare poi di ripartire. Sarà vero e soprattutto sarà conveniente per gli italiani oltre che per gli investitori mondiali? Questo Bootle non lo scrive.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Italia: bene la crescita, ma ora va resa strutturale

Mercati, Italia: debito pubblico previsto ancora in crescita

Italia, debito stabile a 2.646 mld. Le stime per i prossimi mesi

NEWSLETTER
Iscriviti
X