Vuole fare da sé negli investimenti, ma non ne è in grado

A
A
A
Avatar di Redazione 29 Settembre 2014 | 12:40
Un 50 enne, sposato, con un figlio, e con uno stipendio da impiegato come unico sostentamento, chiede consigli su come investire da solo i propri risparmi.

LA LETTERA– Ho 50 anni sono sposato e ho un figlio. Il mio stipendio da impiegato è l’unico sostegno della famiglia. Abitiamo in un appartamento dato in uso gratuito da mio padre (che diventerà mio) per cui non ho spese particolari. Riesco anche a risparmiare e per i prossimi 3-5 anni gli accantonamenti mi serviranno per pagare le rate dell’auto che devo cambiare. Sono iscritto da piu’ di 10 anni al fondo Telemaco e verso ogni mese il 3% dello stipendio (percentuale che voglio aumentare) in più l’1% lo versa l’azienda inoltre contribuisco anche con il premio di produzione annuale di 500 euro. Devo dire che tale investimento mi sta dando delle soddisfazioni.
Il resto, ed è una cifra consistente, è investito in un fondo azionario previdenziale irlandese dove sono in pareggio: ho iniziato ad alimentarlo 10 anni fa. Non ho quindi guadagnato nulla e ammetto che probabilmente la la mia è stata una mossa azzardata. Penso che la soluzione migliore ora sia quella di fare il cassettista mantenendo tale posizione, considerato anche che se disinvesto ora perderei matematicamente ogni rendimento.
A breve mia moglie venderà un immobile e avendo come obiettivo famigliare un rischio medio chiedo un consiglio. Sulle azioni che da 10 anni non rendono: mi consiglierebbe di tenderle in attesa di tempi migliori o vendere…..e dove eventualmente reinvestire? Dove investire l’importo dell’immobile tenendo conto che ho già un investimento ad alto rischio?
Scarterei BoT/CcT perché fra tassi minimi e costi di gestione rendono vicino allo zero.
Non mi fido del consulente finanziario nè tantomeno dei consigli della banca.


(Lettera firmata)

RISPOSTA – Non è illegittimo gestire investire da soli i propri risparmi. Anzi direi che è un’attività intellettualmente molto stimolante (molto più utile che fare le parole crociate, per intendersi). E poi non richiede neppure il possesso di un set di informazioni enorme, ovviamente a condizione di auto-limitarsi nelle opzioni di investimento tra le quali poter scegliere. Il fatto è che lei non pare in grado di fare da solo, altrimenti non mi farebbe queste domande. Ora, è sempre meglio avere dei dubbi e confrontarsi su materie come queste che nessuno le avrà insegnato a scuola, si capisce.

Per leggere l’articolo completo di Marco Liera, cliccate qui.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, YouInvest scommette sui robo-advisor

La coppia di 80enni investe bene ma è preoccupata da banca e bond internazionali

L’ex primario può rischiare come Buffett

NEWSLETTER
Iscriviti
X