Rbs prevede trimestre migliore delle attese e vola

A
A
A

Royal Bank of Scotland fa da traino per i titoli finanziari europei stamane, grazie a migliorate previsioni circa i conti trimestrali. Il titolo sfiora il 4% di rialzo a Londra

Luca Spoldi di Luca Spoldi30 settembre 2014 | 11:29

I CONTI DI RBS VANNO MEGLIO DEL PREVISTO – E’ anche merito di Royal Bank of Scotland (Rbs) se i titoli finanziari europei stamane fanno da traino al rimbalzo dei listini del vecchio continente. Il gruppo scozzese, controllato all’80% dal Tesoro britannico (al 64% se si considerano solo le azioni ordinarie), ha aggiornato oggi le previsioni sull’andamento dei conti nel terzo trimestre dell’anno, segnalando come le svalutazioni su crediti risulteranno inferiori alle attese per circa mezzo miliardo di sterline (1 miliardo per l’intero esercizio), grazie al migliorato scenario macroeconomico e dei prezzi degli asset sui mercati principali, Irlanda inclusa.

COEFFICIENTI PATRIMONIALI IN RIPRESA – Rbs prevede tuttavia  ricavi della divisione Corporate & Institutional Banking inferiori alle attese nel terzo trimestre e segnala di aver approfittato del miglioramento del clima sui mercati finanziari per cedere circa 9 miliardi di sterline di crediti problematici cui dovrebbe corrispondere una perdita di circa 200 milioni di sterline rispetto ai valori di libro. La transazione dovrebbe tuttavia far crescere “moderatamente” i coefficienti patrimoniali della banca. A Londra dopo l’annuncio Rbs sale del 3,9% a 375,5 pence per azione, appena sotto il massimo intraday di 379,7 pence toccato subito dopo l’apertura.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le pagelline dei conti delle reti (quotate)

Un appello a Di Maio per parlare anche di consulenza

Finanziamenti, nel 2018 piccolo è meglio

Banche, quanti tagli alle filiali

Caso Galloro, la risposta di Südtirol Bank

Intesa Sanpaolo è la miglior banca italiana

Banche, in Europa fusioni all’orizzonte

Consulente sospeso, riabilitato, risospeso e poi radiato

Consulenza, tra banche e reti non c’è storia

Massimo Doris vale 100 milioni

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Südtirol Bank pesca l’asso da Fideuram

Fineco, quanto è buono il gestito nella raccolta

Diamanti, si ritiri chi può

Divergenze sulla governance, si dimette il presidente di Banca Carige

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Ti può anche interessare

Bitcoin e fondi, questo matrimonio non s’ha da fare

Le criptovalute, non avendo un valore tangibile sottostante, non possono essere oggetto di investime ...

AcomeA alla scoperta dei Pir

La Sgr mette a confronto investitori e imprenditori, da Milano a Bologna. ...

Poste Italiane attende i conti, non risente di via libera a Ddl concorrenza

POSTE ITALIANE ATTENDE I CONTI – Poste Italiane resta in rialzo a Piazza Affari, sostenuta dal ...