Quella riforma sulle pensioni bocciata 30 anni fa dagli italiani

A
A
A
Avatar di Redazione 6 Ottobre 2014 | 12:41
Sono passati 30 anni dalla prima riforma (bocciata) delle pensioni. Era l’estate 1984.

LA RIFORMA BOCCIATA DELLE PENSIONI – Sono passati 30 anni dalla prima riforma (bocciata) delle pensioni. Era l’estate 1984 quando l’allora ministro del Lavoro Gianni De Michelis presentò un DDL che faceva seguito ai risultati dell’attività della Commissione Castellino istituita tre anni prima, che aveva già messo in evidenza varie criticità del sistema pensionistico. Il progetto di riforma prevedeva un allungamento graduale dell’età pensionabile a 65 anni, un limite (24 milioni di lire, pari a 33.355 euro attuali) alla retribuzione pensionabile, l’assoggettamento di tutti i lavoratori (dipendenti pubblici e privati, autonomi) alle stesse regole e infine il varo della previdenza integrativa, con la deducibilità integrale della contribuzione.

Per leggere l’articolo completo di Marco Liera, cliccate qui.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, YouInvest scommette sui robo-advisor

La coppia di 80enni investe bene ma è preoccupata da banca e bond internazionali

L’ex primario può rischiare come Buffett

NEWSLETTER
Iscriviti
X