Espirito Santo Financial Group finisce in bancarotta

A
A
A
di Luca Spoldi 9 Ottobre 2014 | 11:20
Esfg getta la spungna: non essendo riuscito ad ottenere la protezione dai creditori dal tribunale del Lussemburgo, il gruppo portoghese ha aperto una procedura di bancarotta

ESFG DICHIARA BANCAROTTA – Alla fine Espirito Santo Financial Group (Esfg), il gruppo finanziario portoghese controllato dalla famiglia Espirito Santo che agli inizi dell’estate aveva dovuto procedure a una serie di pesanti accantonamenti e svalutazioni per rischi su crediti, ha dovuto rassegnarsi e presentare domanda di bancarotta. La decisione del Cda segue il rigetto della richiesta di protezione dai creditori che lo stesso Esfg aveva avanzato lo scorso luglio.

NOVO BANCO ATTENDE ACQUIRENTI – Una decisione che apre la strada ad una nuova udienza davanti al tribunale del Lussemburgo per valutare appunto l’accoglimento della richiesta di bancarotta, udienza che dovrebbe tenersi domani.  Nel frattempo, lo scorso 3 agosto, il Banco Espirito Santo, fino a pochi mesi fa la maggiore banca portoghese in termini di capitalizzazione, ha dovuto ricevere aiuti di stato pari a 4,4 miliardi di euro dando vita ad una newco, Novo Banco, in cui la banca centrale portoghese ha fatto confluire i depositi e la maggior parte degli asset dell’istituto, con l’impegno che i fondi pubblici saranno ripagati anche tramite la vendita degli asset di Novo Banco.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banco Espirito Santo condiziona anche Piazza Affari

Prudente rialzo per New York, che guarda al Portogallo

Investitori valutano novità su più fronti

NEWSLETTER
Iscriviti
X