Voluntary disclosure, grosso scudo penale

A
A
A
Andrea Giacobino di Andrea Giacobino 13 Ottobre 2014 | 06:00
La proposta di legge all’esame della Camera amplia la copertura su molti aspetti penali legati al rientro dei capitali. Ecco quali.

COSA C’È DI NUOVO – Ci sono importanti novità nel testo della proposta di legge sulla voluntary disclosure, recante le disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all’estero approvata dalla commissione Finanze della Camera e giunta a fine della scorsa settimana all’esame dell’aula. In particolare risulta ampliata la copertura premiale in relazione agli aspetti penali della voluntary e introdotta l’inapplicabilità del raddoppio dei termini di accertamento per i paradisi fiscali.

I PUNTI
– Non potranno essere puniti gli autori e coloro che hanno commesso o concorso a commettere dichiarazione fraudolenta (che nel precedente testo era esclusa), la dichiarazione infedele e i reati di omesso versamento Iva e ritenute. Accogliendo le indicazioni di chi chiedeva maggiore appeal complessivo per la procedura, è stata, infatti, prevista la non punibilità ai delitti di cui di cui agli articoli 2, 3, 4, 5, 10-bis e 10-ter del decreto legislativo n. 74 del 10 marzo 2000 (dichiarazione fraudolenta la dichiarazione infedele e i reati di omesso versamento Iva e ritenute).

ALTRI AGGIUSTAMENTI
– Ma vi sono altri “aggiustamenti” sotto il profilo della correlazione tra reati e voluntary che meritano di essere evidenziati. Anzitutto l’esclusione della punibilità per il riciclaggio e l’impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (articoli 648-bis e 648-ter del codice penale) commessi in relazione ai reati tributari di cui agli articoli 2, 3, 4, 5, 10-bis e 10-ter del decreto legislativo numero 74 del 10 marzo 2000. Inoltre, a fronte dell’introduzione dell’articolo 648-ter1 nel codice penale, e quindi della specifica disposizione che prevede la punibilità dell’autoriciclaggio, viene, d’altro canto, espressamente garantita la non punibilità per le nuove condotte di autoriciclaggio poste in essere in relazione ai reati tributari pocanzi indicati fino alla data del 30 settembre 2015 (e cioè la data entro la quale può essere attivata la procedura).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

E’ l’ora della voluntary disclosure 3

In arrivo la Voluntary 3

Voluntary flop

Voluntary Bis: colpo di reni per evitare il flop

Sanatoria per le liti pendenti

Rischio flop per la voluntary disclosure

Voluntary bis, gli effetti (possibili) dell’accordo Italia-Svizzera

La Voluntary bis scalda i motori

Voluntary 2, domani si parte

Voluntary bis, ecco le norme per il contante

Voluntary bis, pronto il modello definitivo

Voluntary bis, ecco il format della relazione di accompagnamento

Voluntary 2, cassette anonime nel mirino svizzero

“Voluntary 2”, imposta media di 37mila euro

Voluntary 2 col vecchio modello

La “Voluntary 2” è già partita

Voluntary bis, si parte

Voluntary bis, sanzioni invariate

Voluntary 2 allungata di 12 mesi

Voluntary disclosure, primo no al raddoppio dei termini

La “Voluntary” non sbaglia un colpo

Voluntary 2, si parte l’1 luglio

Voluntary, ci sarà il bis

Voluntary disclosure, istanze pendolari

Voluntary disclosure verso il bis

Voluntary, accertamenti col turbo

Voluntary, si studia il bis

Voluntary disclosure, ultimo giorno per la proroga tecnica

Voluntary Disclosure, mini-rinvio

“Voluntary disclosure”, ultimo sprint

Voluntary disclosure ai supplementari

Voluntary disclosure, 130mila istanze

Voluntary disclosure: gettito intorno ai 3,8 miliardi di euro

Ti può anche interessare

Titoli di Stato, in aprile boom di acquisti dall’estero

Impennata di acquisti esteri sui titoli del debito sovrano italiano. In aprile, secondo i dati  del ...

Fondi di investimento, Gam lancia un nuovo fondo sul reddito fisso asiatico

GAM annuncia il lancio della strategia sul reddito fisso asiatico, che nasce dal riposizionamento de ...

I venti di guerra spingono l’oro

Le nuove turbolenze in Medio-Oriente hanno fatto subito scattare ripercussioni sui mercati finanziar ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X