Miilano apre anche novembre in rosso

A
A
A
di Luca Spoldi 3 Novembre 2014 | 09:10
Indici in calo a Milano, tra i titoli cadono Snam e Terna, complice un mutato quadro regolatorio, Moncler soffre le critiche di Report. Bene Yoox, Telecom Italia e Buzzi Unicem

MILANO TORNA A SCENDERE – Piazza Affari apre novembre con indici in moderato calo, a conferma che il mercato deve ancora recuperare quella stabilità che ha smarrito tra settembre e ottobre. Il Ftse Mib segna infatti -0,67%, il Ftse Italia All-Share scivola in rosso dello 0,57% mentre il Ftse Italia Star recupera lo 0,42%. Nella serata di venerdì Wall Street aveva chiuso in deciso rialzo col Dow Jones a +1,13% e l’S&P500 a +1,17% e il dollaro in deciso rialzo, mentre stamane Tokyo è rimasto chiuso per la festività del Giorno della Cultura e Hong Kong ha chiuso in frazionale calo (-0,34%).

YOOX SALE, SNAM E TERNA CROLLANO – Tra le blue chip italiane rimbalza di oltre due punti Yoox, inseguita da Telecom Italia e Buzzi Unicem. Bene anche Cnh Industrial e Unicredit, tutte in rialzo di almeno l’1,3% a testa, mentre crolla Snam (-9,5% a 3,902 euro per azione) che venerdì aveva diffuso i dati dei primi nove mesi dell’anno, complice la revisione del quadro regolatorio e dopo che stamane hanno rivisto al ribasso il proprio giudizio sia gli analisti di Rbc (da “outpeform” a “sector perform”, con target price a 4,75 euro.) sia di Mediobanca Securities (da “neutral” a “underperform”). In deciso affanno pure Terna (-4,9% dopo che Mediobanca ha tagliato il giudizio da “outperform” a “neutral”), Enel (-2,4%) e Moncler (-1,8% dopo un servizio particolarmente negativo sulla società trasmesso ieri sera nel corso della trasmissione “Report” su Rai3).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Snam: outlook positivo e raing EE- da Standard Ethics

Clean energy, Enel, Snam e l’idrogeno. L’analisi di Cecere (Inchcapital)

Rinnovabili, l’Ue alza al 55% il target sulla riduzione delle emissioni al 2030

NEWSLETTER
Iscriviti
X