Credem positivo dopo la trimestrale

A
A
A
di Luca Spoldi 7 Agosto 2017 | 15:48

RIALZO MODERATO DOPO I CONTI – Credem in moderato rialzo a Piazza Affari, dove oscilla a 7,33 euro per azione (+0,69%) nel pomeriggio dopo che sono passati di mano circa 53 mila titoli. Il secondo trimestre dell’anno si è chiuso con una crescita dei ricavi del 15,2% annuo, grazie in particolare al buon andamento dei ricavi e del margine d’interesse, mentre i costi operativi in calo dell’1,2% a 190,7 milioni.

BENE GLI UTILI E LA QUALITA’ DEL CREDITO – Il risultato netto di gestione è così salito del 95,3% da 41,2 a 80,5 milioni, mentre l’utile ante imposte è salito del 70,3% da 46,8 a 79,7 milioni. Più che raddoppiato anche l’utile netto, a 52,3 milioni (da 23,8 milioni di un anno prima). Il cost income ratio cala dal 74,6% al 66,1%, il costo del credito risulta pari a 31 punti base, le NPE sono pari al 3,4% del credito totale, mentre il Common Equity ratio “fully phased” è pari al 12,5%.

COSTI E RETTIFICHE MIGLIORI DEL PREVISTO – Risultati apprezzati dagli analisti, in particolare da quelli di Equita Sim che confermano il proprio “hold” e il prezzo obiettivo a 7,3 euro sul titolo notando come l’utile netto sia risultato “sopra le attese grazie al maggior trading” e siano “ottime” le “indicazioni dalla qualità dell’attivo”, ma che nel complesso non sembrano presentare particolari sorprese. Anche nella successiva conference call emergono segnali incoraggianti, con costi e rettifiche leggermente migliori delle attese, ma nessuna sorpresa eclatante.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Credem, la polizza giusta per il private

Credem, una mano all’ambiente

Credem, la storia di Anna

NEWSLETTER
Iscriviti
X