Il petrolio può costar caro ai fondi hedge

A
A
A

La caduta del petrolio porta le major a riconsiderare i propri piani produttivi e di esplorazione, mentre i fondi hedge scommettono sul recupero dei prezzi. Con qualche rischio

Luca Spoldi di Luca Spoldi9 dicembre 2014 | 10:50

SI SCOMMETTE SUL RIMBALZO – I fondi hedge stanno vivendo da oltre un anno un periodo difficile, con poche soddisfazioni e molti segni negativi che colpiscono anche i più illustri tra i “bei nomi” americani del comparto. L’ultima scommessa che rischia di andare di traverso a gestori e sottoscrittori sembra quella su un prossimo recupero delle quotazioni petrolifere. Secondo l’agenzia Bloomberg, infatti, nella settimana chiusa il 2 dicembre scorso le posizioni lunghe nette sul future sul Wti sono salite del 14% rispetto alla settimana precedente, segnando il massimo degli ultimi 20 mesi. Peccato che i prezzi del Wti, ma anche del Brent, non siano affatto risaliti, oscillando anzi stamane a 63,36 dollari al barile il primo e a 66,26 dollari al barile il secondo, una manciata di centesimi sopra i minimi a cinque anni fatti segnare ieri pomeriggio.

PREZZI DEBOLI ALMENO PER ALTRI 6 MESI – Nel frattempo oltre alla Russia, messa in deciso affanno dal crollo dei prezzi ben al di sotto del punto di pareggio della maggior parte dei suoi giacimenti, anche molte major come Bp o Total stanno riconsiderando se chiudere gli impianti più vecchi (e spesso più costosi) e se rinviare nuovi progetti di esplorazione e ricerca, mentre un esperto come Nizar Al-Adsani, Ceo di Kuwait Petroleum Corporation, ha dichiarato che i prezzi del petrolio si manterranno attorno ai 65 dollari al barile almeno per un semestre, salvo che l’Opec non decida di tagliare la propria produzione o la crescita mondiale non dia segnali di decisa accelerazione.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il “cacciatore” di gestori ha solo 34 anni

Fondi alternativi: ripresa, ma non per tutti

Buffett (Berkshire Hathaway): fondi hedge costano troppo per quel che rendono

Blackstone chiude Senfina Advisors

Il referndum sulla Brexit offre opportunità di trading sulla sterlina

Petrolio: i 20 dollari al barile improvvisamente sembrano irraggiungibili

Nextam Partners Hedge si conferma tra i migliori

Fondi hedge: Nevsky Capital rimborsa le quote

Asian Managers Selection Fund B arrotonda i guadagni da inizio anno

8a+ Mattehorn apre novembre in rialzo

Azimut Aliseo non sbanda in ottobre

Unifortune Premium Fund prosegue la sua salita regolare

Alkimis Capital C, a luglio splende il sole

Jupiter Asset Management batte le attese

Symphonia Thema sale anche in maggio

Hedgersel A procede con cautela

Ersel Global Investment prosegue la sua corsa

L’Albatross di Unifortune prova a spiccare di nuovo il volo

Global Managers Selection Fund I sale anche in dicembre

Petrolio, fondi hedge ancora negativi

Anche tra i fondi hedge italiani spunta qualche segno positivo

Eurizon Weekly Strategy conclude novembre in rialzo

Man Group torna a far parlare di sè

Un settembre da ricordare per P&G Selection

I gestori Usa tagliano le posizioni sul petrolio

Calpers liquida i fondi hedge: sono complessi e costosi

Asian Managers Selection Fund B torna in pari

Finint ha fiuto per i bond

Partita decisiva per Buenos Aires

Man Group fa shopping negli Usa e sale in Borsa

Symphonia Equity Long/short sorride in maggio

Man Group mette il turbo, pronta a far shopping

Eurizon Weekly Strategy R prova a riportarsi in trend

Ti può anche interessare

Fondi, così investono i private banker e i gestori di portafoglio

Indagine di Natixis Investment Managers su 200 buyer di prodotti del risparmio gestito a livello glo ...

Nuovo governo a rischio scivolone sui derivati

Il programma rischia di perpetuare quel cliché che è stato la causa principale delle drammatiche v ...

Il “buy” del consulente – 27/09/18, da Avio a Gima TT

I consigli giusti in diretta da Piazza Affari ...