Mediolanum, Berlusconi impugna il provvedimento di Bankitalia

A
A
A
di Maria Paulucci 7 Gennaio 2015 | 14:00
Il testo disponeva la dismissione della quota eccedente il 9,9%. A gennaio era previsto l’avvio del trust al quale assegnarla.

L’IMPUGNAZIONE – Gli avvocati di Silvio Berlusconi contestano la decisione della Banca d’Italia sulla partecipazione di Fininvest in Mediolanum. “Per quanto possa occorrere ai fini del rispetto degli obblighi di trasparenza vigenti per le società quotate in Borsa”, i legali Andrea Di Porto, Luigi Medugno e Andrea Saccucci hanno reso noto di aver avviato alla notifica, “nel suo interesse e a tutela della sua posizione di socio di Fininvest Spa, dell’atto di impugnazione del provvedimento della Banca d’Italia del 7 ottobre 2014 relativo alla partecipazione di Fininvest in Mediolanum” (vai qui per la notizia) di fronte ai giudici competenti.

IL PROVVEDIMENTO
– Il 7 ottobre la Banca d’Italia e l’Ivass, l’authority che vigila sulle assicurazioni, avevano disposto la dismissione della partecipazione eccedente il 9,9% detenuta indirettamente in Mediolanum dall’ex presidente del Consiglio per la perdita dei requisiti di onorabilità previsti dalla legge, dopo la codanna per frode fiscale. Complessivamente, attraverso la Fininvest, Berlusconi possiede il 35% circa del gruppo bancario. A gennaio era previsto l’avvio del trust al quale assegnare la quota eccedente (qui una delle ultime notizie in merito).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Doris, il patto su Mediobanca tiene duro (almeno per ora)

Banche, Mediobanca saluta Fininvest

Mediolanum, mazzata su Fininvest

NEWSLETTER
Iscriviti
X