New York trema, nuovi dubbi sulla crescita

A
A
A
di Luca Spoldi 14 Gennaio 2015 | 15:26
Wall Street in calo per la debolezza delle materie prime e dati macro deludenti che generano nuovi dubbi sulla forza della ripresa. Ne approfittano i T-bond, in ripresa

WALL STREET TORNA A TREMARE – Wall Street torna a perdere quota, in scia al calo delle quotazioni delle materie prime dal petrolio al rame e del calo dello 0,9% delle vendite al dettaglio a dicembre negli Usa, la variazione mensile negativa maggiore da inizio 2014 che potrebbe indurre molte case d’investimento a tagliare le proprie stime sulla crescita del Pil a stelle e strisce in questo e nei prossimi trimestri. Così dopo mezzora di lavoro il Dow Jones cede l’1,16%, l’S&P500 perde l’1,06%, il Nasdaq è in rosso dello 0,76% e il Russell 2000 oscilla a -0,99%.

IN RECUPERO I BOND – Dal canto loro i T-bond vedono il rendimento del decennale calare sull’1,82% e quello del trentennale sul 2,43%. L’oro sale a 1.240,30 dollari l’oncia (5,9 dollari sopra i livelli di ieri sera) mentre l’argento scivola a 16,96 dollari (12 centesimi sotto l’ultima chiusura). Il petrolio infine oscilla a 46,15 dollari al barile, un quarto di dollaro meglio di ieri.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, obbligazioni: le nuove emissioni della settimana sotto la lente

Asset allocation: le obbligazioni restano un campo minato

Top 10 Bluerating: Waystone regina dei bond

NEWSLETTER
Iscriviti
X