Creval e Popolare Sondrio beneficeranno delle mosse della Svizzera

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 15 Gennaio 2015 | 14:33
Creval e Popolare Sondrio potrebbero essere tra le prime banche a beneficiare della maggiore attrattività che l’Italia tornerà ad avere per gli acquirenti svizzeri

CREVAL E POPOLARE SONDRIO GUARDANO ALLA SVIZZERA – Chi beneficerà maggiormente della forte rivalutazione del franco svizzero seguita immediatamente all’abbandono del limite inferiore di 1,20 franchi per euro deciso stamane dalla Banca nazionale svizzera? Secondo l’opinione a caldo di alcuni operatori potrebbero essere banche come il Credito Valtellinese e la Banca popolare di Sondrio, che storicamente operano nelle regioni a ridosso del confine tra Italia e Svizzera e potrebbero beneficiare di un incremento dei flussi in entrata dalla Confederazione.

PRUDENTE LA REZIONE DEI TITOLI – A Piazza Affari la reazione a caldo non è tuttavia molto convincente: a metà seduta il Credito Valtellinese oscilla a 74,6 centesimi per azione, in calo di mezzo punto rispetto a ieri, dopo aver segnato un massimo di 76,75 centesimi dopo l’annuncio, con circa 1,65 milioni di pezzi passati di mano. La Popolare Sondrio modera invece il suo rialzo allo 0,69% oscillando a 2,922 euro per azione (dopo un massimo di 2,948 euro a titolo), quando sono stati scambiati poco meno di 420 mila pezzi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bper alla conquista di Arca

Popolare di Sondrio, shopping nel credito al consumo

Popolare di Sondrio corteggia CariCento

NEWSLETTER
Iscriviti
X