Creval e Popolare Sondrio beneficeranno delle mosse della Svizzera

A
A
A
di Luca Spoldi 15 Gennaio 2015 | 14:33
Creval e Popolare Sondrio potrebbero essere tra le prime banche a beneficiare della maggiore attrattività che l’Italia tornerà ad avere per gli acquirenti svizzeri

CREVAL E POPOLARE SONDRIO GUARDANO ALLA SVIZZERA – Chi beneficerà maggiormente della forte rivalutazione del franco svizzero seguita immediatamente all’abbandono del limite inferiore di 1,20 franchi per euro deciso stamane dalla Banca nazionale svizzera? Secondo l’opinione a caldo di alcuni operatori potrebbero essere banche come il Credito Valtellinese e la Banca popolare di Sondrio, che storicamente operano nelle regioni a ridosso del confine tra Italia e Svizzera e potrebbero beneficiare di un incremento dei flussi in entrata dalla Confederazione.

PRUDENTE LA REZIONE DEI TITOLI – A Piazza Affari la reazione a caldo non è tuttavia molto convincente: a metà seduta il Credito Valtellinese oscilla a 74,6 centesimi per azione, in calo di mezzo punto rispetto a ieri, dopo aver segnato un massimo di 76,75 centesimi dopo l’annuncio, con circa 1,65 milioni di pezzi passati di mano. La Popolare Sondrio modera invece il suo rialzo allo 0,69% oscillando a 2,922 euro per azione (dopo un massimo di 2,948 euro a titolo), quando sono stati scambiati poco meno di 420 mila pezzi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Risiko Banche, Unipol muove l’offensiva contro Sondrio

Banche, la sovraperformance della Popolare di Sondrio

Credem, Banco Bpm o Desio per scommettere sul risiko bancario nel 2020

NEWSLETTER
Iscriviti
X