Petrolio, siete pronti per la partita di ritorno?

A
A
A
di Luca Spoldi 27 Gennaio 2015 | 11:25
Finora l’Opec sembrava puntare su ulteriori ribassi, ora parla di possibili rimbalzi a breve. Gary Cohn, ex trader sul greggio e presidente di Goldman Sachs Group, è scettico

OPEC VEDE PETROLIO IN RIPRESA – Sul petrolio, dopo mesi di guerra di prezzi tra Opec e produttori americani di shale oil, sembra poter iniziare la partita di ritorno a parti invertite. Se l’organizzazione viennese dei dodici maggiori produttori petroliferi mondiali fa sapere, per bocca del segretario generale Abdullah El Badri, che intorno ai 45-50 dollari al barile potrebbe essere stato raggiunto il fondo e i prezzi potrebbero presto risalire, Gary Cohn, ex trader sul petrolio ora presidente di Goldman Sachs Group, la pensa diversamente.

GOLDMAN SACHS ORA È SCETTICA – Il petrolio secondo Cohn, dopo aver già perso il 60% dai livelli dello scorso giugno, potrebbe perdere altri 10-15 dollari al barile per rimanere poi a lungo su livelli depressi, dato che i prezzi forward a un anno del greggio sono appunto di circa 10-15 dollari superiori alle attuali quotazioni sul mercato “spot” e questo rischia di innescare una corsa a monetizzare le posizioni, anche in presenza delle prime chiusure degli impianti di trivellazione meno redditizi da parte dei produttori americani.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti