Milano chiude in calo nonostante Finmeccanica, debole Mps

A
A
A
di Luca Spoldi 28 Gennaio 2015 | 16:48
La giornata si chiude con indici al ribasso (salvo il Ftse Star) a Milano, dove però brillano Finmeccanica, Mediolanum e Tod’s. Debole Mps, in rosso anche Unicredit e Ubi Banca

MILANO TERMINA IN CALO – Nonostante l’avvio in moderato rialzo di Wall Street, che beneficia delle trimestrali record di colossi come Apple e Boeing, le prese di profitto prevalgono a Piazza Affari e in gran parte dei listini europei (ma non a Francoforte, che chiude a +0,32% dopo le rassicurazioni di Alexis Tsipras circa la volontà di non rompere le relazioni tra la Grecia e la “troika” Ue-Bce-Fmi). A fine giornata il Ftse Mib cede lo 0,81%, il Ftse Italia All-Share chiude a -0,86% e il Ftse Italia Star resiste a +0,19%.

FINMECCANICA BEN COMPRATA, MALE MPS – Tra le blue chip guadagna terreno Finmeccanica fin dalla mattina, grazie all’approvazione del piano industriale 2015-2019 e al via della trattativa per cedere Ansaldo Breda a Hitachi, mentre per Drs Technologies l’amministratore delegato Mauro Moretti ha dichiarato nel corso di una presentazione agli analisti che si cercherà una soluzione “equilibrata” industriale e finanziaria “entro pochi mesi”. Sopra l’1,6% di rialzo a fine giornata anche Mediolanum e Tod’s, mentre Mps sfiora il -5% il primo giorno dopo il venir meno del divieto di vendite allo scoperto sul titolo. Più di 3 punti di perdita anche per Unicredit, Stmicroelectronics e Ubi Banca.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

In Leonardo c’è… Profumo di saldi per far cassa (e magari un favore ai francesi)

Report Operativo: monitoraggio posizione su Finmeccanica

Ftse Mib, come si evolverà il trend e i titoli tecnicamente interessanti

NEWSLETTER
Iscriviti
X