Imprenditori meno sfiduciati, migliora saldo natalità

A
A
A
di Luca Spoldi 3 Febbraio 2015 | 11:20
In netta frenata le cessazioni, anche se ancora non ripartono le aperture: il saldo di natalità delle imprese italiane migliora, per la ripresa vera si spera nel 2015

IMPRESE, MIGLIORA IL TASSO DI NATALITA’ – Timidi segnali di ripresa per l’economia italiana: secondo i dati di Movimpresa nel 2014 si è registrato un saldo positivo tra aperture e chiusure di imprese in Italia di poco superiore alle 30mila unità, pari a un tasso di crescita del numero delle imprese registrate presso le Camere di commercio dello 0,51%, dopo il misero +0,21% dell’anno precedente.

CALANO LE CESSAZIONI, SI SPERA NELLA RIPRESA DELL’ECONOMIA – Il risultato tuttavia è totalmente determinato dalla fortissima frenata delle cessazioni (340.261 le imprese che hanno chiuso i battenti, 31.541 unità in meno rispetto a quanto avvenuto nei dodici mesi precedenti) e non da una ripresa delle aperture (370.9779, ancora in calo rispetto al 2013 anche se il comunicato di Unioncamere parla di “risultato insperato”). Nel complesso secondo Unioncamare il dato “segnala una probabile inversione di tendenza nelle attese degli imprenditori oggi attivi, che intravvedono la possibilità di un effettivo rilancio delle attività nel corso del 2015”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ripresa in Europa e Usa, un quarto trimestre da dimenticare

Dalla riunione della Bce ai dati sulla produzione industriale, l’agenda della settimana

Vaccini, il “Jurassic Park” dei mercati

NEWSLETTER
Iscriviti
X