Ing si mette in luce su mercati prudenti

A
A
A
di Luca Spoldi 11 Febbraio 2015 | 11:21
Indici in lieve calo in Europa in attesa di vedere come finirà il braccio di ferro tra Grecia e Germania. Tra le blue chip europee in calo i petroliferi, bene Ing Groep.

EUROPA SOTTOTONO, SI ATTENDE ESITO EUROMEETING – L’Europa resta cauta in attesa dell’esito della riunione straordinaria dell’Eurogruppo dove Atene chiederà di ottenere qualche “sconto” sugli impegni finora sottoscritti nell’ambito del proprio bailout e un programma ponte fino a maggio mentre la Germania continua a usare toni duri per cercare di mantenere quanto più simili alle originali le condizioni che Atene dovrà sottoscrivere per garantirsi ulteriori aiuti da parte della troika Ue-Bce-Fmi. Così Londra  oscilla al momento a -0,22%, Parigi cede lo 0,50%, Francoforte resta a -0,19% e Madrid perde lo 0,68%, mentre solo Milano conserva un modesto rialzo (+0,15%) in tarda mattinata.

ING SALE DOPO RISULTATI 2014 – Dal canto suo l’Eurostoxx50 cede lo 0,40%, con i petroliferi ancora in retromarcia a partire da Repsol ed Eni, ma anche con Total, Saint-Gobain, Vinci e Carrefour che danzano poco sopra l’1% di perdita. Chi invece si mette in luce è Ing Groep, davanti a Enel e Asml Holding. La banca olandese ha chiuso il 2014 con un utile netto “underlying” di 3,424 miliardi (+8,5% rispetto al 2013) grazie ad una crescita degli interessi netti ad uno stretto controllo delle spese e ad un minor costo per il rischio ed è tornata a distribuire un dividendo (di 12 centesimi per azione ordinaria).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

EuroStoxx50 in stand by in area 3.500 punti

EuroStoxx50 a fine corsa?

Ftse Mib o EuroStoxx50? Ecco le nuove strategie di Vontobel Certificati

NEWSLETTER
Iscriviti
X