Milano tira il fiato dopo le promesse greche

A
A
A
di Luca Spoldi 24 Febbraio 2015 | 09:44
Mentre dalla Commissione Ue filtrano giudizi positivi sulle riforme promesse da Atene in cambio dell’accordo con l’Eurogruppo, a Milano brillano World Duty Free e Finmeccanica

ATENE PROMETTE RIFORME, MILANO TIRA IL FIATO – L’accordo tra Eurogruppo e Grecia sembra reggere dopo la presentazione di una lista di riforme, tra cui un rinnovato impegno alla lotta contro evasione e corruzione, approntata dal Governo di Alexis Tsipras inviata nella nottte a Bruxelles e che secondo fonti vicine alla Commissione Ue è abbastanza ampia per costituire un buon punto di partenza per una conclusione positiva dell’esame da parte dell’Eurogruppo. Dopo un’ora abbondante di scambi a Milano il Ftse Mib oscilla a -0,24%, il Ftse Italia All-Share cede lo 0,30% e il Ftse Italia Star guadagna lo 0,20%.

WDF PIACE A DUFRY, ANSALDO A HITACHI – Tra le blue chip italiane si mette in luce World Duty Free, per il riaffiorare dell’ipotesi di una offerta da parte deklla svizzera Dufry su una parte della quota in mano ai Benetton. Positivi anche Buzzi Unicem e Autogrill, mentre Finmeccanica perde oltre il 3% dopo il rialzo di ieri con la giapponese Hitachi data per favorita per rilevare Ansaldo Breda e la quota di Ansaldo Sts (40%) ancora in mano a Finmeccanica. Prese di profitto anche su Mps, negli ultimi giorni salita prepotentemente per il riaffiorare dell’ipotesi di una “bad bank” che potrebbe farsi carico dei crediti problematici degli istituti italiani tra cui proprio Mps e Banca Carige.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mps, 4mila esuberi per restare in piedi

BBVA, cresce in Italia ma senza Mps

UniCredit, le ragioni del no a Mps

NEWSLETTER
Iscriviti
X