Tira aria di tagli nell’investment banking di Rbs

A
A
A
di Luca Spoldi 5 Marzo 2015 | 08:00
Secondo indiscrezioni fino a 14 mila dei 18 mila addetti dell’investment banking di Royal Bank of Scotland potrebbero perdere il posto nei prossimi mesi

RBS TAGLIERA’ ANCORA IL PERSONALE – Aria di tagli in vista a Royal Bank of Scotland Group che potrebbe ridurre di circa due terzi lo staff della sua divisione di investment banking nell’ambito di una ristruttruazione che mirerebbe a ridurre il peso delle attività legate alle securities e a focalizzarsi maggiormente sul mercato del credito al consume in Gran Bretagna. Se l’indiscrezione, riferita dall’agenzia Bloomberg che cita una fonte “a conoscenza dell’argomento”,  sarà confermata fino a 14 mila degli attuali 18 mila dipendenti del gruppo coinvolti in tali attività (su un totale di 108 mila dipendenti del gruppo di Edimburgo) potrebbero perdere il posto.

A RISCHIO LE ATTIVITA’ DI INVESTMENT BANKING – Al momento non sarebbe ancora stata presa alcuna decisione definitiva, ma lo stesso Ceo, Ross McEwan, ha parlato qualche giorno fa di un “significativo” taglio dei posti di lavoro nell’investment banking dopo il settimo anno consecutivo chiuso in rosso e la decisione di uscire del tutto da alcuni mercati internazionali e ridurre la residua presenza in altri come gli Stati Uniti. La cifra di 14 mila esuberi circola da qualche tempo, tanto che anche il Financial Times l’ha già riportata, pur senza precisare dove i tagli si sarebbero abbattuti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti