Pechino vuol crescere del 7% quest’anno

A
A
A

Alla fine anche Pechiono prende atto della realtà: la crescita quest’anno non andrà oltre il 7%, il tasso più basso degli ultim 15 anni. Le politiche fiscali saranno ancora proattive

Luca Spoldi di Luca Spoldi5 marzo 2015 | 12:38

LA CINA FISSA OBIETTIVO CRESCITA AL 7% – La Cina prende atto della realtà e abbassa gli obiettivi: parlando al congresso nazionale del partito comunista il presidente cinese Li Keqiang ha fissato al 7% (contro il 7,5% indicato lo scorso anno) l’obiettivo di crescita del Pil di Pechino per il 2015, il minimo degli ultimi 15 anni. Secondo le indicazioni provenienti dal congresso del partito unico cinese le politiche fiscali sono destinate a rimanere “proattive” e quelle monetarie “prudenti”, mentre il tasso di cambio dello yuan, nonostante attese in tal senso, non dovrebbe essere svalutato ma mantenuto a un livello “ragionevole e bilanciato”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Sterlina sempre sotto pressione, il mercato vede rischio “hard brexit”

Sterlina cola a picco per i timori legati alla Brexit

Banca nazionale svizzera resta alla finestra, pronta ad agire sui cambi

Transferwise trasferisce mensilmente circa 800 milioni di sterline

Sterlina cala di minimo in minimo, nonostante la Bank of England

I contraccolpi delle crisi in Inghilterra e Italia arrivano fino inAsia

Sterlina sempre più volatile con l’avvicinarsi del referendum inglese

Il referndum sulla Brexit offre opportunità di trading sulla sterlina

Israele mantiene invariati i tassi ufficiali

La “Brexit” si allontana, la sterlina recupera terreno

Tassi ai minimi storici in Australia

Sterlina in calo anche oggi, Brexit sempre meno improbabile

Pechino riduce la riserva obbligatoria per le banche

Sterlina in calo, il sindaco di Londra fa il tifo per la Brexit

La Svezia porta i tassi ufficiali a -0,5%

Goldman Sachs: quanto peserebbe Brexit sulla sterlina

Cina: riserve in valuta estera in calo nel 2015

Pechino svaluta ancora, i listini asiatici affondano

Norges Bank taglia ancora i tassi

Cina, le riserve valutarie sono in calo

Qualche sorpresa nel “supergiovedì” della Bank of England

La crisi turca non vede segnali di miglioramento

Hong Kong multa Bnp Paribas

Tassi fermi sulla sterlina

La Svizzera non tocca i tassi ma taglia le stime

Anche Tailandia e Corea tagliano i tassi

Euro debole, lo yuan potrebbe imitarlo a breve

Ti può anche interessare

Azimut, l’estero salva (ancora) la raccolta

Raccolta netta in settembre positiva per ca. € 241 milioni ...

Investimenti, le criptovalute tra minaccia e opportunità

Bitcoin & C: minaccia o nuova opportunità? A Perugia il 1° febbraio una tavola rotonda e un wo ...

BTp Italia, in vista il nuovo collocamento

Il titolo indicizzato all'inflazione concepito oltre sei anni fa per il pubblico retail verrà collo ...