Anche l’Ocse conferma: tasse tagliano crescita redditi

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 16 Marzo 2015 | 10:39
Non è una grande sorpresa: per l’Ocse, nel decennio 2003-2013, l’incremento delle imposte si è mangiato oltre metà della crescita del reddito lordo dei lavoratori italiani.

L’OCSE CONFERMA: TASSE IN CRESCITA IN ITALIA – Non che ci fossero molti dubbi al riguardo, ma la conferma è autorevole e tale da levare ogni dubbio. Secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) negli ultimi 10 anni, il reddito medio degli italiani è cresciuto del 28,5%, anzi lo sarebbero se non fosse che oltre la metà è finito in maggiori tasse. Per l’Ocse, infatti, dal 2003 al 2013 il reddito medio di un lavoratore italiano è passato da 23.113 euro a 29.704 euro lordi, ma di questi 6.590 euro in più ben 3.869 euro se ne sono andati in aumenti d’imposta.

REDDITO NETTO SALITO DI POCO IN 10 ANNI – Il reddito netto che nel 2003 era di 16.618 euro all’anno 10 anni dopo si è trasformato in 20.487 euro, con un incremento del peso delle imposte sul reddito dal 28% al 31%. Rispetto agli altri 13 paesi che in questo decennio hanno fatto parte dell’eurozona, il reddito lordo più elevato si è registrato (tanto nel 2003 quanto nel 2013) in Lussemburgo, dove è salito da 39.587 a 52.902 euro lordi annui (+33,6%) anche se il peso delle tasse è aumentato dal 24,6% al 29,3%. Il reddito più basso resta quello della Slovacchia con 10.015 euro annui.

IL FISCO PESA DI PIU’ IN BELGIO E GERMANIA – Il massimo prelievo fiscale è quello del Belgio, dove nel 2013 era pari al 42,6% del reddito lordo (contro il 42% di dieci anni prima), seguito da quello della Germania (39,6%, comunque in calo di 3,8 punti rispetto a 10 anni prima). L’Italia in questa classifica viene “solo” al quarto posto, dietro a Slovenia (33,1%) e Olanda (31,2%). C’è da sperare che nessuno utilizzi questo dato per sostenere che c’è spazio per un ulteriore incremento delle imposte, non potendo sostenere in alcun modo che le tasse siano scese nell’ex “bel paese” in quest’ultimo decennio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

Usa: i dati macro fanno recuperare il dollaro, in calo i T-bond

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

Istat: nel primo trimestre dell’anno la pressione fiscale è aumentata

Usa: la Federal Reserve alzerà i tassi già la prossima settimana, poi a fine anno

Ocse lima previsioni crescita italiana nel 2017, stangata di fine anno più probabile?

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

Pil Usa frena oltre il previsto: solo +0,7% nei primi tre mesi dell’anno

Fallimenti in calo, anche in Italia, nel 2016

Inflazione al 2,3% in febbraio in Gran Bretagna, che farà la Bank of England?

Usa, la ripresa resta solida e la Fed può alzare i tassi

Usa: anche l’Ism non manifatturiero corre in febbraio, la Fed alzerà i tassi?

Inflazione al 2% in Eurolandia, non succedeva dal gennaio 2013

Pwc: entro il 2050 Italia fuori dal G-20, Russia prima economia europea

Produzione industriale in frenata, anche i tedeschi fanno festa a Natale

Crescita Usa sempre più robusta: Wall Street positiva, deboli i T-bond

Wall Street resta di cattivo umore nonostante buoni dati macro

Crescita Usa rallenta: Pil +1,9% nel quarto trimestre 2016

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Petrolio in allungo, Saipem ringrazia

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Natale 2016 fa bene a Home Depot

Gran Bretagna, il mercato del lavoro inizia a frenare

Borse europee in rialzo, brilla Unicredit

Dopo i dati macro Usa le borse restano incerte

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Pil italiano ed europeo in crescita dello 0,3% nel terzo trimestre

Bank of Japan lascia invariati tassi e quantitative easing

Wall Street in recupero, il Pil Usa riaccelera nel terzo trimestre

Amundi: la crisi italiana ha due colpevoli, banche e politica

NEWSLETTER
Iscriviti
X