Alla Grecia servono subito 2 miliardi

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 20 Marzo 2015 | 10:38
Alexis Tsipras prova a smuovere i capi di governo Ue ma viene gelato da Merkel e Hollande: senza riforme niente nuovi aiuti. Intanto entro oggi Atene deve trovare 2 miliardi di fondi

ACCELERARE LE RIFORME IN CAMBIO DI AIUTI – Volete altri aiuti? Accelerate le riforme, anziché prendere ulteriore tempo. E’ questa nella sostanza la risposta data ieri dai capi di governo Ue dopo oltre 4 ore di discussioni ad Alexis Tsipras, premier greco tornato a cercare a Bruxelles e Berlino sostegni per una ripresa che stenta a decollare dopo sei anni di recessione e per trovare la soluzione al problema del rimborso dei 240 miliardi di euro di “bailout”.

IN GIORNATA ATENE DEVE TROVARE 2 MILIARDI – Ma il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese Francois Hollande per primi hanno chiesto a Tsipras di accelerare le riforme, dopo di che si vedrà. La sensazione del mercato è che di tempo per ulteriori giochi tattici ne stia rimanendo poco da entrambe le parti: entro oggi la Grecia deve rinnovare 1,6 miliardi di euro  di bond a breve scadenza, rimborsare circa 350 milioni di euro al Fondo monetario internazionale e pagare 110 milioni di euro di interessi su bond detenuti dalla Bce.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ora Tsipras dovrà varare le riforme promesse alla “troika”

National Bank of Greece alla finestra, Atene attende le elezioni

Varate le riforme, Tsipras può trattare per un terzo bailout

NEWSLETTER
Iscriviti
X