Private banking, Ubp compra Coutts International da Rbs

A
A
A
di Luca Spoldi 27 Marzo 2015 | 09:09
Union Bancaire Privee rileva il braccio di wealth management del gruppo Rbs, con asset per 30 miliardi di franchi svizzeri.

COUTTS INTERNATIONAL (RBS) CEDE ASSET A UPB – Alla fine Coutts International finisce nelle mani Union Bancaire Privee (Ubp). La società di gestione svizzera ha avuto la meglio su tutti i contendenti della società di private banking e wealth management di Royal Bank of Scotland, tra cui erano stati citati Investec e Intesa Sanpaolo. La cessione, successiva alla decisione di Rbs di creare una banca focalizzata sul Regno Unito, interessa le attività gestite in Svizzera, Monaco, Medio Oriente, Singapore e Hong Kong, e una massa in gestione superiore a 30 miliardi di franchi. La decisione conferma la volontà di Ubp di tornare a crescere nel private banking dopo la crisi finanziaria mondiale degli scorsi anni, come già emerso dall’acquisizione delle attività internazionali di private banking di Lloyds Banking Group nel maggio del 2013.

UN’ACQUISIZIONE FONDAMENTALE – Per Ubp – che a fine 2014 aveva masse in gestione per circa 98 miliardi di franchi – si tratta di un’acquisizione “fondamentale”, ha dichiarato il numero uno Guy de Picciotto, sottolineandone l’importanza “in particolare per mercati ad elevato potenziale come l’Asia, dove Coutts International ha sviluppato relazioni di lunga durata con una clientela ad alto reddito”. L’operazione, realizzata con il supporto di Caurus Partners e TC Capital, rimane subordinata all’ottenimento delle necessarie approvazioni a livello normativo e di altro tipo. A tal proposito, Ubp cercherà di ottenere una licenza bancaria a Hong Kong, soggetta all’approvazione dell’autorità regolatoria locale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti