Fine mese contrastato in Asia, Milano parte bene

A
A
A

Chiusure contrastate in Asia dove pesa la chiusura dell’esercizio fiscale 2014-2015 in Giappone e qualche incertezza sullo scenario macro. Parte bene Milano in attesa di novità

Luca Spoldi di Luca Spoldi31 marzo 2015 | 08:36

PIAZZA AFFARI AVANTI PIANO – Milano parte in punta di piedi e dopo il rally di ieri si limita a consolidare le posizioni, in attesa di novità per quanto  riguarda i colloqui tra Ue e Grecia e tra Usa e Iran. Dopo un’ora abbondante di lavoro l’indice Ftse Mib segna +0,25%, il Ftse Italia All-Share sale dello 0,26% mentre il Ftse Italia Star guadagna l’1,58%.

TOKYO CHIUDE IL 2014 FISCALE CON UN CALO – In mattinata a Tokyo l’indice Nikkei225 aveva chiuso l’ultimo giorno dell’esercizio fiscale 2014-2015 in calo a 19.206,99 yen (-1,05%) dopo che il governatore della Bank of Japan, Haruhiko Kuroda, ha avvertito che l’inflazione potrebbe scendere sotto zero nei prossimi mesi a causa dell’andamento delle quotazioni del petrolio. In modesto rialzo Hong Kong (+0,18%), mentre Shanghai (-1,02%) è tornata a scendere per prese di profitti scattate dopo che l’indice a inizio seduta aveva toccato il nuovo massimo a sette anni.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Cambiano gli emergenti nel portafoglio

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

State Street: rendimenti sui T-bond e dollaro visti in calo dopo ultima mossa Fed

Qatar isolato dopo attentato londinese

Seul testa sistema di pagamento digitale per polizze sanitarie

S&P Global Ratings: la volatilità è destinata a rimenere alta sugli emergenti

Scandalo 1MDB, le autorità di Singapore fanno scattare le prime sospensioni

6 titoli asiatici ad alto dividendo che piacciono a Barron’s

Yuan in recupero sul dollaro, borse asiatiche emergenti positive

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Asia: nel 2017 ci si attende un aumento dei fallimenti

Source: il 2017 sarà positivo ma volatile, occhio a bond emergenti e dollaro

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Petrolio troppo a buon mercato, l’Arabia Saudita deve emettere bond

Cina: è tempo di raffreddare la bolla immobiliare?

Cina: il Pil sale del 6,7% nel terzo trimestre

Mercati emergenti, la settimana si preannuncia volatile

Fitch Ratings: paesi sviluppati tornano a frenare, meglio gli emergenti

Fitch Ratings: Brasile in recessione anche quest’anno

Mosca torna a parlare con Kiev dei bond finiti in default

Torna la voglia di mercati emergenti, in Europa brillano Milano e Madrid

G20 di Hangzhou, per Pechino un successo solo a metà

Israele lascia i tassi invariati per il 19esimo mese consecutivo

Axa vuole crescere ancora in Cina

Cala il rendimento del fondo sovrano di Abu Dhabi

Turchia: Goldman Sachs invita alla prudenza

Arabia Saudita valuta lancio emissioni obbligazionarie

Un minuto da panico per i future sulle borse cinesi

Tassi ai minimi storici in Australia

Source: si può tornare a guardare ai mercati cinesi

La Cina frena ancora: Pil primo trimestre 2016 a 6,7% annuo

Ti può anche interessare

Mirror trading nel mirino di Consob

Con delibera 20331 pubblicata sul proprio sito istituzionale, Consob ha informato il pubblico dell ...

ITForum, ecco il menù degli investimenti

Vediamo i contenuti dell’area dedicata al prossimo evento di Rimini ...

First Capital lancia l’indice sulle Spac

SPAC Index© si propone di essere un indice di riferimento per monitorare l'andamento delle Spac e P ...