Utile in crescita nella trimestrale di Credem

A
A
A
di Luca Spoldi 12 Maggio 2015 | 06:21
La trimestrale del Credem vede l’utile salire grazie in particolare all’andamento dell’attività di trading. Salgono le coperture sui crediti problematici e in bonis.

SALE L’UTILE DI CREDEM – Il Credito Emiliano (Credem) ha chiuso il primo trimestre dell’anno con un utile netto consolidato di 84 milioni di euro, in crescita del 47,4% su base annua, grazie in particolare ai proventi del trading (che hanno sfiorato i 196 milioni di utili dai 62,3 milioni circa dell’anno scorso). Il margine di intermediazione, precisa una nota, cresce del 23,2% a 353,1 milioni, mentre le rettifiche nette di valore su crediti salgono a 36,8 milioni da 13,5 milioni a seguito in particolare di un aumento del livelli di copertura dei crediti problematici e di quelli “in bonis”.

CET1 ALL’11% PER CREDEMHOLDING – La nota precisa anche che per effetto delle nuove norme è stato modificato il perimetro di consolidamento del gruppo ai fini della vigilanza prudenziale; questo ha portato a calcolare i coefficienti patrimoniali su Credem Holding, controllante (al 76,9%) di Credem, per la quale il Cet1 ratio “phased-in” è risultato pari all’11,01%, ovvero al 10,23% “fully phased”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Credem, dalla convention arriva un nuovo brand per i consulenti

Credem, una newsletter sull’informazione

Credem, novità ai piani alti del wealth management

NEWSLETTER
Iscriviti
X