Nomura: terzo bailout in vista per Atene?

A
A
A
di Luca Spoldi 8 Giugno 2015 | 09:18
Agli analisti di Nomura viene un sospetto: che per risolvere la crisi greca si dovrà fare ricorso a un terzo bailout da 30 miliardi. Altrimenti default o uscita di Atene dall’euro

GRECIA, CONTINUA IL TIRA E MOLLA – Il gioco del gatto col topo prosegue: un accordo tra il gruppo di Bruxelles e Atene non sembra imminente, nonostante quasi ogni giorno entrambe le parti auspichino che possa essere raggiunto in tempi rapidi. In ogni caso anche quando sarà riuscito a ottenere l’erogazione dell’ultima tranche di aiuti da 7,2 miliardi di euro, Alexis Tsipras avrà in poco tempo bisogno di ulteriori iniezioni di liquidità se non muterà un quadro che vede ogni mese Atene alla ricerca disperata di 1,5-3 miliardi di euro per pagare pensioni e stipendi e onorare le tranche di pagamenti in scadenza.

NOMURA NON ESCLUDE TERZO BAILOUT – Così gli analisti di Nomura tornano a ipotizzare un terzo (ed ultimo?) bailout da 30 miliardi di euro o più per superare l’empasse ed evitare una crisi di liquidità che possa condurre comunque il paese al default intento che le famose (e finora rinviate) riforme “strutturali” siano in grado di produrre un qualche risultato apprezzabile nei conti pubblici e nell’economia del paese. Molto tuttavia dipenderà dalle concessioni che i creditori faranno ad Atene sul debito. Senza alcuna concessione per la Grecia un default appare solo una questione di “quando”, non di “se”, a meno che alla fine gli stessi membri dell’eurozona, a partire dalla Germania, non valutino un “esperimento” dal vivo come l’uscita della Grecia dall’euro (magari evitata sul piano formale grazie a una doppia circolazione valutaria) meno costoso per i propri interessi che non il salvare a tutti i costi Atene.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X