Tasse giù? Ecco chi può guadagnarci di più

A
A
A
di Luca Spoldi 23 Luglio 2015 | 15:54
Se davvero Matteo Renzi riuscirà a tagliare di 50 miliardi in tre anni i prelievi fiscali, la ripresa potrebbe rafforzarsi. A beneficiarne di più sarebbero editoriali e banche

RENZI PROMETTE TAGLIO TASSE PER 50 MILIARDI – Il piano annunciato da Matteo Renzi di una riduzione del prelievo fiscale per un importo pari a 50 miliardi di euro nei prossimi tre anni inizia ad attirare l’attenzione degli analisti che, in base alle prime e ancora vaghe indicazioni sulle misure e sulle relative coperture parlando di un effetto generalmente positivo per la borsa che però si declinerà diversamente sui vari settori e titoli. Per come è stato finora annunciato il piano dovrebbe infatti comportare maggiori benefici ai settori maggiormente “labour intensive”, per i quali il costo del lavoro rappresenta una componente di bilancio rilevante.

EDITORIA E CREDITO I SETTORI PIU’ BENEFICIATI – Secondo quanto segnalano gli analisti di Websim, ad esempio, tra i principali beneficiari potrebbe essere il settore editoriale, con società come Mondandori, Rcs Mediagroup e L’Espresso che dovrebbero trarre vantaggio sia dal previsto taglio dell’Irap, sia dalla raccolta pubblicitaria, il cui andamento solitamente anticipa la ripresa economica. Bene dovrebbero fare anche le banche, a partire da popolari come Banco Popolare, Credito Valtellinese e Ubi Banca, ma effetti positivi sensibili dovrebbero essere registrati anche dai conti di Tod’s e Autogrill, nonché di Finmeccanica.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X