I conti di PartnerRe non brillano nel trimestre

A
A
A
di Luca Spoldi 28 Luglio 2015 | 15:20
I conti di PartnerRe nel secondo trimestre dell’anno chiudono in rosso di 103,1 milioni di dollari, in linea con le attese. Ma i ricavi, scesi a 1,19 miliardi, deludono gli analisti

TRIMESTRALE IN FRENATA PER PARTNERRE – PartnerRe, gruppo riassicurativo americano conteso da Axis e Exor, ha chiuso il secondo trimestre dell’anno con una perdita netta di 103,1 milioni di dollari (pari a 2,16 dollari per azione), contro utili per 257,7 milioni (5,02 dollari a titolo) segnati nello stesso periodo del 2014. Il risultato appare in linea con le previsioni di consenso e include perdite su investimenti al netto delle tasse per 217,2 milioni di dollari (4,55 dollari per azione), contro guadagni derivanti da investimenti per 123,7 milioni (2,41 dollari a titolo) che vennero registrati nel secondo trimestre del 2014.

UTILI COME DA ATTESE, MA DELUDONO I RICAVI – Sul fronte operativo, l’utile trimestrale scivola a 112,5 milioni (2,35 dollari per azione) contro i 133,5 milioni (2,6 dollari a titolo) di un anno prima, a fronte di ricavi trimestrali calati del 28% a 1,19 miliardi, in questo caso rivelatisi inferiori agli 1,43 miliardi attesi dal consensus dagli analisti. A fronte di tali risultati il Cda di PartnerRe ha la distribuzione di un dividendo trimestrale di 70 centesimi di dollaro per azione ordinaria, con stacco cedola il 7 agosto e pagamento il primo settembre prossimo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Exor: Standard Ethics conferma il rating E

Exor riprende la corsa in scia al debutto di Stellantis

Exor allunga il passo a Piazza Affari. I prossimi obiettivi tecnici

NEWSLETTER
Iscriviti
X