Lloyds Banking Group delude le attese

A
A
A

I numeri della semestrale di Lloyds Banking Group deludono le attese a causa di accantonamenti superiori alle previsioni che riducono la crescita dell’utile ante imposte

Luca Spoldi di Luca Spoldi31 luglio 2015 | 09:09

LLOYDS BANKING GROUP ACCANTONA PIU’ DEL PREVISTO – Cattive notizie pe Lloyds Banking Group: l’istituto britannico, che venne nazionalizzato durante la crisi del 2008, ha dovuto effettuare accantonamenti per 1,4 miliardi di sterline nel secondo trimestre dell’anno, per pagare le penali legate alla vendita in modo improprio di polizze assicurative legate a prestiti e questo fatto mette a rischio il programmato ritorno alla distribuzione di un dividendo.

UTILE ANTE IMPOSTE DELUDE LE ATTESE – Gli analisti si attendevano accantonamenti per non più di un miliardo di sterline: il totale di accantonamenti e svalutazioni effettuate finora è salito così a 13,4 miliardi di sterline, il massimo mai registrato da un gruppo finanziario britannico. L’utile ante imposte nei primi 6 mesi dell’anno è così salito del 38% annuo a 1,2 miliardi di sterline, mancando tuttavia le attese (1,9 miliardi) formulate dalla compagnia a inizio anno.

SU RISTRUTTURAZIONE PESANO COSTI EXTRA – Il Ceo di Lloyds Banking Group, Antonio Horta-Osorio, per cercare di tornare a distribuire un dividendo o varare un buy-back azionario, in vista della cessione di un primo 15% da parte del Tesoro di sua maestà, ha già tagliato posti di lavoro e ceduto asset non più strategici, ma parte dei suoi sforzi sono stati vanificati proprio dall’incremento degli oneri legati a pratiche di vendita non corrette che hanno causato il pagamento di una serie di multe.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, il wealth management le fa ricche

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Ti può anche interessare

David (Candriam): “Come investire sui mega-trend”

Di seguito un intervento di Matthieu David (nella foto), head of italian branch di Candriam Investor ...

Banca Imi: ecco a voi una nuova obbligazione in euro

L'Obbligazione Collezione Tasso Variabile Euro Serie VI offre l’opportunità di un rendimento annu ...

Blue Financial Communication, ricavi in crescita del 72%

Nel primo semestre l’Ebitda risulta pari a 458.609 euro (206.744 nel primo semestre 2017, +122%), ...