Derivati: banche e investitori dovranno passare dalle clearing houses

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 6 Agosto 2015 | 13:55
La Commissione Ue ha deciso: per i derivati le banche e i maggiori investitori dovranno passare attraverso clearing houses che avranno il compito di compensare gli scambi

DERIVATI: UE VARA OBBLIGO COMPENSAZIONE – Derivati, si cambia. Almeno in parte, perché la decisione della Commissione Ue, ampiamente prevista ma confermata oggi da una nota ufficiale, di richiedere a banche e ai maggiori investitori che detengono posizioni in derivati di utilizzare una “parte terza” per le intermediazioni sugli stessi, le “clearing houses” (stanze di compensazione, ndr), di fatto non modifica l’ambito di applicazione dei contratti e conferma ampiamente i compromessi che erano emersi nel corso del lungo processo di elaborazione della nuova normativa.

DAL 2009 IL G20 RACCOMANDAVA QUESTO PASSO – Già nel 2009 il G20 aveva raccomandato di introdurre la compensazione obbligatoria tramite clearing houses per i contratti di swap nel tentativo di ridurre il danno che sarebbe derivato dall’eventuale inadempienza a pagare da parte di una banca “sistemica”.  Commentando la normativa ora introdotta il Commissario Ue per i Servizi finanziari finanziaria, Jonathan Hill, ha dichiarato: “Oggi facciamo un passo significativo per implementare i nostri impegni nei confronti del G20, rafforzare la stabilità e aumentare la fiducia del mercato” con una norma che rientra “nel nostro avvicinarsi a mercati che siano equi, aperti e trasparenti” per tutti gli investitori e intermediari coinvolti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Unione bancaria, la mina dei derivati sugli istituti europei

Derivati, ora più poteri a Esma

Derivati, la Brexit non sgancia la bomba

Derivati, vittoria in tribunale del Credem e dello Studio Zitiello

Nuovo governo a rischio scivolone sui derivati

Derivati, la Corte dei Conti chiede più di 4 miliardi a Morgan Stanley

Bafin: Deutsche Bank contabilizzò impropriamente dozzine di operazioni

Mps cala, al via procedimento per ristrutturazione derivato Alexandria

Aziende Usa ancora prudenti nelle assunzioni

Borse: sulla piazza di Londra arrivano i derivati targati Cme Group

Professional Financial Traders – Genève Invest, qui logo ci cova

Derivati, Draghi detta le regole

Cds, derivati e short: oggi la stretta Ue

Comune di Roma a rischio scandalo derivati come Milano

Derivati Milano, per ora il giudice dà ragione a Palazzo Marino

Banche italiane: meno rischio sui derivati

Consulenti – Ingiusto archiviare l’affaire derivati

Scandalo derivati, arrivano 30 rinvii a giudizio

Derivati, non abbiamo imparato nulla

Parola d'ordine: chiudere i derivati

Derivati, l'Isda chiede garanzie alla Commissione Europea

Osservatorio derivati: la crisi finanziaria e la voglia di regolamentazione

Osservatorio Derivati: segnali di rallentamento nei volumi OTC e regolamentati

Enti pubblici, continua lo scandalo derivati

Scandalo derivati: le banche disertano l'udienza

Scandalo derivati: sequestrati alle banche 460 milioni

Scandalo comuni & derivati: arriva l'assistenza di Assorisp

I derivati tengono sotto scacco Milano

Le Banche USA chiedono una riforma del mercato

Scandalo derivati: Citigroup pronta a pagare

Scandalo derivati: anche San Marino chiede i danni alle banche

Scandalo derivati: Corritore presenta il conto alle banche

NEWSLETTER
Iscriviti
X