Mattinata in ulteriore calo per New York

A
A
A
di Luca Spoldi 24 Agosto 2015 | 15:14
Quotazioni azionarie ancora in deciso calo a New York, come già venerdì, mentre la liquidità si rifugia nei titoli di stato. Deboli anche oro e petrolio

NEW YORK CONTINUA A PERDER QUOTA – Wall Street riapre dello stesso umore con cui aveva chiuso venerdì, con indici in netto calo che generano a loro volta ulteriori ondate di vendita sui listini europei, già depressi fin dalla mattinata dopo i nuovi “tonfi” visti in Asia stamane. Dopo un’ora e mezza di lavoro il Dow Jones cede il 2,34%, l’S&P500 segna -2,45% e il Nasdaq è indicato a -2,27%, mentre le small cap del Russell 2000 perdono il 2,23%, peraltro tutti gli indici recuperando da un avvio ancora peggiore.

I BOND TORNANO A PIACERE, GIU’ ORO E PETROLIO – I T-bond dal canto loro beneficiano sia dell’afflusso di liquidità in uscita dall’azionario, sia delle ipotesi che la Federal Reserve possa evitare di avviare il graduale rialzo dei tassi a metà settembre e attendere almeno fino a fine ottobre o dicembre. Il titolo decennale vede infatti il rendimento riportarsi sull’1,98% e quello trentennale sul 2,70%. Il petrolio non riesce invece a ripartire e cala a 38,89 dollari al barile (1,56 dollari meno di venerdì), sui minimi degli ultimi sei anni. Debole anche l’oro, a 1.157,4 dollari l’oncia (2,2 dollari meno dell’ultimo fixing), e l’argento, a 14,95 dollari l’oncia (36 centesimi di perdita).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, bond: primario in ripresa. Le nuove emissioni sotto la lente

Asset allocation: la view di Credit Suisse

Mercati, bond condizionati dall’inflazione. Le nuove emissioni sotto la lente

NEWSLETTER
Iscriviti
X