Voluntary disclosure, nessuna esclusione del quadro Rw

A
A
A

Quarta circolare delle Entrate: apertura su cassette e prelievi. E chi è nella lista Falciani…

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino31 agosto 2015 | 10:30

LISTA FALCIANI – Spiragli di apertura sulle attività detenute in cassetta di sicurezza e maggiore elasticità nella valutazione dei prelievi. Nessun esonero ai fini della compilazione del quadro Rw nel modello Unico 2015 e ammissibilità della procedura nel caso in cui il contribuente risulti elencato nella cosiddetta lista Falciani. Sono questi alcuni dei chiarimenti di maggiore rilievo contenuti nella quarta circolare sulla “voluntary disclosure” emanata venerdì scorso dall’Agenzia delle Entrate a poco più di un mese dalla scadenza del termine per la procedura di rientro dei capitali (leggi sotto l’intera circolare). La circolare n. 31, peraltro, è il secondo documento di prassi emanato nel mese di agosto con un lasso temporale inferiore a 20 giorni.

CASSETTE DI SICUREZZA
– Oltre a negare la possibilità di autocertificazione, l’amministrazione finanziaria appare invece più possibilista in merito all’identificazione del momento in cui le attività esistenti in cassetta di sicurezza siano state immesse. La risposta della circolare n. 31 che appare destinata anche all’ipotesi in cui le cassette di sicurezza siano all’estero afferma infatti che in merito alla giustificazione della provenienza e alla individuazione del momento in cui il contribuente è entrato in possesso dei valori, lo stesso potrà ricorrere anche a prove di natura indiretta fornendo a tal fine adeguati elementi. Questo concetto potrebbe essere utilizzato anche per escludere in toto la rilevanza reddituale delle somme depositate in cassetta.

PRELEVAMENTI
– La circolare n. 31 pare correggere il tiro rispetto al precedente documento di prassi che affermava l’esistenza di una giustificazione «automatica» dei prelievi contenuti nei limiti del rendimento del capitale. Una posizione, di fatto, poco comprensibile in relazione a casi nei quali il rendimento è inferiore al prelievo ovvero nullo. Nella nuova circolare si dice che una sorta di autogiustificazione sussiste anche per quei prelievi che, indipendentemente dal rendimento del patrimonio, risultano limitati per importo e frequenza. Ciò in quanto gli stessi possono essere ricondotti ai consumi personali del contribuente.

COMPILAZIONE DEL QUADRO RW
– Prevedibilmente, l’Agenzia delle Entrate afferma che non può sussistere nessun esonero dalla compilazione del quadro Rw nell’ambito del modello Unico 2015 per chi accede alla disclosure. La risposta, da un punto di vista tecnico, è indubbiamente fondata ma il punto è legato alla semplificazione degli adempimenti anche in considerazione della coincidenza delle scadenze entrambe fissate al prossimo 30 settembre. Sempre che non arrivi la proroga di cui si parla da tempo che comporterebbe l’anticipazione del quadro Rw rispetto alla disclosure. Meglio per tutti, forse, comprendere anche il 2014 nella proroga in modo tale da non creare difficili intrecci tra adempimenti.

 

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Lo spauracchio di una patrimoniale a sorpresa

Gestione della liquidità, quanto pesa il fisco

Consulenza fiscale, la nuova era digitale

Consulenza fiscale, analisi delle entrate a gennaio

Professionisti e fisco: la partita Iva è un salasso

Esma, gli echi della nuova fiscalità Usa preoccupano l’Europa

Dossier fiscale Bitcoin – La questione del riciclaggio

Dossier fiscale Bitcoin – I riferimenti del regime fiscale

Dossier fiscale Bitcoin – Introduzione

Consulenza fiscale: partecipazioni qualificate e non, il dilemma dei dividendi esteri

Arriva la mini voluntary. Ecco quanto costa e a chi si rivolge

Caos Spesometro, il termine slitta al 5 ottobre

Fatture, termine prorogato al 28 settembre

Voluntary, più tempo per mettersi in regola

Manipolazione indici: multe per le grandi banche d’investimento

Istat: nel primo trimestre dell’anno la pressione fiscale è aumentata

Fisco e calcio, un rapporto complicato

Anti-evasione: arriva la stretta

Ocse lima previsioni crescita italiana nel 2017, stangata di fine anno più probabile?

Trump presenta la sua riforma fiscale, sparisce la tassa sulle importazioni

Voluntary bis, ecco il format della relazione di accompagnamento

Istat: nel 2015 Pil a +0,7%, pressione fiscale resta ferma al 43,4%

Osborne: tagliare le tasse alle imprese per limitare la fuga post-Brexit

Fisco: continua a gennaio la crescita delle entrate erariali

Julius Baer trova l’accordo di massima col fisco Usa

Credit Agricole paga 99,2 milioni di dollari al fisco Usa

La corsa delle entrate fiscali italiane prosegue a ottobre

Via l’Imu sulla prima casa? Ne beneficierà chi vive in un castello

L’immobiliare ha dato una mano all’economia italiana

Fisco: ratificati gli accordi con Svizzera, Monaco, Vaticano e Liechtenstein

Voluntary disclosure, le tasse vengono dimezzate

Il mattone riparte, l’Ance chiede riduzione pressione fiscale

Fisco, la Svizzera si accorda anche con l’Ue sullo scambio di informazioni

Ti può anche interessare

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

MIGLIORA SCENARIO MACRO – Lo scenario macroeconomico italiano va schiarendosi, con Moody’s c ...

Oam, censimento per i Compro-oro

Operazione in vista dell’iscrizione a un apposito elenco degli operatori del settore che verrà ge ...

Lyxor Etf si rafforza con Pisani

La manager nominata head of institutional sales per i Lyxor ETF. ...